BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SONDAGGI/ Buttaroni: Renzi perde 20 punti, M5s tre

Pubblicazione:domenica 18 settembre 2016

Matteo Renzi Matteo Renzi

Siccome le questioni economiche pesano molto, questo peggioramento si riflette inevitabilmente anche sulla fiducia nei confronti del governo. Di fronte alle molte questioni che il governo Renzi ha messo sul campo da quando è in carica, quella economica è la più importante. E’ su questa che ciascuno misura le proprie prospettive, gli investimenti che farà e le scelte che intende compiere per sé e per i propri figli.

 

Veniamo al Movimento 5 Stelle. Guadagna o perde voti?

Tra la fine di luglio e la prima settimana di settembre, cioè prima e dopo che scoppiasse il caso Roma, M5s ha perso il 3%. Nell’ultima rilevazione la stimiamo al 27,5%, mentre a luglio era al 30,5%.

 

Lei come valuta questa perdita del 3%?

E’ una perdita significativa in quanto si verifica soltanto in un mese e mezzo. C’è stato un fattore di tipo “congiunturale” che ha inciso sull’andamento dei consensi. Per un anno noi abbiamo avuto M5s in ascesa in termini di voti, con una vittoria non soltanto a Roma ma anche a Torino e in altre città. Il risultato di M5s è stata un’affermazione molto importante, e anche dove non è andato al ballottaggio comunque ha aumentato il proprio bacino elettorale. Dopo di che è scoppiato il caso Roma.

 

Secondo lei questo smottamento di M5s continuerà?

Tutto dipenderà da come M5s risolverà quella che è una vicenda politica, e rispetto a cui ci si attende una risposta di tipo politico. Questa sarà una fase molto importante per i pentastellati, e che definirà che tipo di partito sarà.

 

Forza Italia intanto sale o scende e perché?

Forza Italia ha avuto una situazione di sostanziale stabilità. Oggi è al 13,5%, dopo che l’ultima settimana di luglio era al 14%. Forza Italia non ha né beneficiato né risentito negativamente di tutta la vicenda di Roma. I partiti che invece hanno più beneficiato del risultato sono soprattutto quelli all’opposizione più radicale nei confronti del governo Renzi. Ad esempio la Lega Nord, Fratelli d’Italia e Sinistra Italiana sono cresciuti tutti e tre rispettivamente dell’1%. In proporzione al bacino elettorale che avevano, questi tre sono i partiti che hanno attratto i maggiori consensi.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.