BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARIO/ Così il fallimento di giornali e tv prepara la crisi dell'euro

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Donald Trump (LaPresse)  Donald Trump (LaPresse)

Grillo ha aperto diversi fronti, e quello della giuria popolare "che determini la veridicità delle notizie pubblicate dai media" è solo il penultimo di una serie, dopo il contro-messaggio di fine anno, il codice etico per gli eletti M5s — che ha suscitato l'accusa di neo-garantismo ad personam (Virginia Raggi) — e quello dell'espulsione rapida degli irregolari "senza parcheggiarli in inutili Cie spesso gestiti dalle mafie" (così ieri in apertura del blog).  

Secondo Marcello Foa, giornalista, blogger ed esperto di comunicazione, Grillo ha il merito di portare allo scoperto la perdita di credibilità irreversibile delle narrazioni a senso unico fatte da tv e grandi giornali, di cui la gente non si fida più. E come ieri non si è fidata delle promesse dei Renzi, potrebbe cominciare, domani o dopodomani, a diffidare di un altro dogma ritenuto indiscutibile. 

 

Grillo ha risposto con la giuria popolare alla proposta di regole europee fatta da Pitruzzella per tutelare i cittadini dalle bufale del populismo. Apriti cielo.

E' una provocazione, non una proposta politica. Per attirare l'attenzione su un progetto, questo sì, molto preoccupante come quello di arrivare ad un super-organismo di censura dell'informazione libera sul web, Grillo ha lanciato una proposta per mostrare quanto sia paradossale — e pericolosa — l'iniziativa del presidente dell'Antitrust.

 

Come dire: se volete censurare quello che accade sulla rete, dovete censurare anche i grandi giornali quando sbagliano. 

Sì. E sbagliano parecchio. E' un modo secondo me di riportare il discorso su un binario più concreto e di evitare, e su questo Grillo ha ragione, che con la pretesa di combattere il populismo si arrivi a mettere il bavaglio a blog e social media. 

 

Però la domanda che circola è: come si fa a difendersi dalle bufale? 

Sul web le bufale ci sono e ci saranno sempre, ma sono anche, in in maniera meno apparente, più soft, su giornali e tv. Il punto è che porre il problema in questi termini significa evitarne un altro, e ben più paradossale. Oggi l'informazione mainstream è diventata il veicolo di una delle forme più insidiose di propaganda, quella degli spin doctor: abusando dell'autorevolezza delle istituzioni, anziché fare informazione attendibile ne approfittano per diffondere informazioni che non sono vere.

 

Un esempio?

Gliene faccio tre. La guerra in Iraq è stata fatta sulla base di accuse che si sono rivelate essere totalmente false e i governi americano e britannico lo sapevano. In Siria tre anni fa è stata diffusa la notizia che migliaia di bambini erano stati massacrati col gas; subito era stato accusato Assad, poi è emerso che erano stati i cosiddetti "ribelli", ossia i jihadisti, per far ricadere la colpa su Assad. Infine l'autista polacco del tir usato per l'attentato a Berlino: secondo una fonte investigativa citata dalla Bild e confermata dal ministro degli Interni del Land di Berlino, Lukasz Urban avrebbe lottato eroicamente contro il terrorista Anis Amri. Peccato che l'uomo, come è stato appurato dagli esami autoptici, sia stato ucciso 3-4 ore prima dell'attacco. Si tratta di una frottola nata all'interno di un'istituzione e rilanciata dai media in modo totalmente gratuito. Secondo le logiche di Pitruzzella dovrebbe essere punita severamente. Lei crede davvero che possa esser sanzionato il Corriere della Sera?

 

Alla vigilia del Brexit, delle elezioni americane e del referendum italiano, su tv e grandi giornali più che notizie false c'erano vere e proprie narrazioni di mondi paralleli che sono state smentite dai fatti. Dove nasce il cortocircuito?


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
08/01/2017 - E Renzi l'unico politico per rinnovare il PD!! (orazio bacci)

Non continuate a litigare contro di lui, sostenetelo! Renzi e l'unico Lider giovane che può salvare la barca che sta naufragando, non siate invidiosi di lui e l'unico che vi rimane, non ragionate con la pancia ma con intelligenza che è nella testa!