BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Politica

Beppe Grillo, addio M5s/ Elezioni Politiche 2018: Alessandro Di Battista il possibile “erede”

Beppe Grillo, addio M5S: il fondatore del movimento potrebbe salutare, l'ultimo intervento sul blog risale al 31 dicembre 2017 e non c'è sua traccia in campagna elettorale

Beppe Grillo (LaPresse)Beppe Grillo (LaPresse)

Il distacco del suo Blog dalla Casaleggio rappresenta il segnale dell'uscita di Beppe Grillo dal Movimento 5 Stelle. I nuovi leader sono Luigi Di Maio e Davide Casaleggio, mentre Alessandro Di Battista si candida - secondo Lettera43 - al ruolo di nuovo “megafono”. Lui dunque l'erede, l'anima extraparlamentare del partito. Sganciatosi dall'Aula, Di Battista sarà libero di giocarsi eventualmente il secondo mandato dopo la parentesi Di Maio. Cosa farà ora Beppe Grillo è difficile dirlo. Intanto Di Maio rischia: se non riuscisse a ottenere il mandato di formare un governo da Sergio Mattarella, vedrebbe terminare bruscamente la sua corsa al potere. La sua posizione si complicherebbe se Roberta Lombardi, il cui destino politico è sganciato da quello di Luigi Di Maio, riuscisse a conquistare la Regione Lazo. A quel punto si troverebbe isolato, proprio ciò che Gianroberto Casaleggio voleva evitare, perché più delle persone, che possono sbagliare e fallire, conta il Movimento. (agg. di Silvana Palazzo)

SALTERÀ ANCHE IL RADUNO DI PESCARA CON 4MILA ISCRITTI

Continua il “mistero” Beppe Grillo nel Movimento 5 Stelle: mentre si attendono novità sul futuro del Blog, come del resto già promesso dallo stesso Grillo in “fuga” dalle questioni più prettamente politiche, emerge la possibilità che per la prima volta il Garante M5s non sia presente ad un raduno ufficiale con tutti gli iscritti. Dal 19 al 21 gennaio a Pescara il Movimento si ritrova per presentare ufficialmente programmi e candidature ma al momento pare che non vi siano previsti né interventi né proprio la presenza fisica di Beppe Grillo. Ci sarà Luigi Di Maio, ci sarà Davide Casaleggio, dovrebbe esserci anche Di Battista, ma Grillo no (salvo sorprese): è infatti impegnato con la tournée teatrale in Svizzera e tra forse meno di una settimana rientrerà anche ufficialmente in possesso del suo blog separandosi di fatto dalla Casaleggio Associati. Il tutto a meno di tre mesi dalle elezioni: per i grillini della base storica, non il tempo più opportuno per tutte queste “rivoluzioni”. (agg. di Niccolò Magnani)

DI MAIO, “FARÀ CAMPAGNA ELETTORALE CON NOI”

Beppe Grillo, addio in vista al Movimento Cinque Stelle? Nonostante le indiscrezioni circolate negli ultimi giorni circa un possibile allontanamento del comico genovese dal partito da lui fondato, il candidato premier Luigi Di Maio ha tenuto a fare chiarezza. Secondo il principale esponente pentastellato, Beppe Grillo non si farà da parte, anzi: "Qualcuno spera che Beppe Grillo si faccia da parte ma il Movimento non cambia, Grillo è una grande forza e risorsa, la più grande che abbiamo. Sarà con noi in questa campagna elettorale". Un messaggio, quello riportato da Tg Com 24 di Di Maio, che scaccia via le paure dei sostenitori del primo partito in Italia secondo i sondaggi e serio candidato alla vittoria alle prossime elezioni politiche del 4 marzo 2018. Di Maio ha poi commentato la possibile distanza di vedute tra lui, Davide Casaleggio e il comico: "Il Movimento è sempre quello di Beppe e Gianroberto, anche se Gianroberto non è più qui con noi". (Agg. Massimo Balsamo)

IL BLOG SI STACCA DALLA CASALEGGIO ASSOCIATI

Nuove conferme sull’allontanamento tra Beppe Grillo e Movimento Cinque Stelle. Come sottolinea Tg Com 24, il blog del comico genovese cambia fisionomia: si smarca così dall’attività parlamente del M5S, che continuerà nel suo sito. Secondo indiscrezioni, questo è il primo passo dell’allontamento dalla Casaleggio Associati.Non presente fin qui in campagna elettorale, Grillo è tornato sui palchi con i suoi show: a fine gennaio, il 26 e 27, sarà in tournée con il suo a Mestre e a Cesena; e il 23 e 24 febbraio sarà a Roma, con "Insomnia". Come già annunciato nel discorso di fine anno, Grillo "si farà sentire" anche se non sarà protagonista in prima linea, con la campagna elettorale affidata ad un Movimento Cinque Stelle ormai maturo. Anche se continuano a circolare indiscrezioni sulla rottura con Davide Casaleggio e sui dissapori sulla nuova linea indetta dal candidato Premier Luigi Di Maio (Agg. Massimo Balsamo)

BEPPE GRILLO, ADDIO M5S?

Beppe Grillo, addio M5S? Tanti i dubbi sul futuro del noto comico e sul suo rapporto con il Movimento Cinque Stelle, con il discorso di fine anno del 31 dicembre che è di fatto l’ultimo intervento pubblico. Grillo ha annunciato in diretta streaming il cambiamento di fisionomia del blog beppegrillo.it, con il blg delle stelle volto ad occuparsi di politica locale e internazionale, sottolineando la sua volontà di andare in giro per il mondo con video e conferenze. E la situazione desta preoccupazione in casa pentastellata, con Grillo che, come sottolinea il Corriere della Sera, non sta partecipando alla campagna elettorale in vista delle elezioni politiche 2018, in programma il prossimo 4 marzo. L’ultimo summit con il candidato premier risale a metà novembre e non è previsto a breve alcun appuntamento pubblico per presentare il progetto nazionale del Movimento, che alle precedenti elezioni politiche aveva sorpreso tutti per risultati e consensi.

DISSAPORI CON DI MAIO E CASALEGGIO?

Secondo quanto riporta L’Espresso, è già iniziata una scissione: da una parte Beppe Grillo, il Movimento Cinque Stelle delle origini e la visione di Casaleggio, dall’altra Luigi Di Maio, Casaleggio Junior e le nuove regole. Un primo segnale su una possibile separazione è stato fatto trapelare dalla Casaleggio Associati, con le nuove regole che hanno previsto per la prima volta che il Garante, ovvero Beppe Grillo, passa dare l’addio al M5S. Il comico genovese ha fatto la valigia e, se si parla di una volontà di voler tornare a fare il comico impegnato, non è escluso che in realtà sia stufo di beghe, polemiche, lotte fratricide e querele.L’Espresso sottolinea che alcune scelete del candidato premier Luigi Di Maio “gli vanno un po’ strette”, mentre il rapporto con Davide Casaleggio non è dei migliori: “non c’è mai stato l’innamoramento”, a differenza di quanto accaduto con il padre Gianroberto. “Per lui, ormai, più che una passione, l'M5S è diventato l'assolvimento di un patto d'amicizia con il guru della Casaleggio”, sottolinea il giornale.

© Riproduzione Riservata.