BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Roma

EDITORIALE/ Imprese, riscoprire il territorio per guardare lontano

Le piccole imprese soffrono ancora la crisi. SANDRO PETTINATO spiega come ripartire in tre mosse: si comincia valorizzando le tradizioni e l'unicità di ogni territorio.

Foto: ImagoeconomicaFoto: Imagoeconomica

Oggi Unioncamere presenta i dati sulla natimortalità delle imprese italiane nel 2010. Emerge l’immagine di un’economia in ripresa, ma che ancora fatica a riemergere dalla crisi. Cosa serve però veramente alle piccole imprese per tornare a crescere? Tre sono i fattori che possono generare sviluppo nel nostro Paese: anzitutto un’attenta politica dei territori, intesa per esempio in termini di valorizzazione delle specificità e di adeguamento delle infrastrutture e di promozione dei settori economici; secondo, le condizioni per lo sviluppo, come per esempio l’accesso al credito; terzo, una concentrazione delle politiche d’impresa sui comparti a forte competizione: il ruolo dell’export. Cercherò di affrontare uno per volta questi temi, a cominciare da quello del rapporto tra localismi e sviluppo.

Dalla cultura del territorio e dalle tradizioni tipiche sono sorte nel tempo importanti esperienze imprenditoriali uniche nel loro genere. Il territorio ricopre un ruolo di fornitore di una serie di asset fondamentali per la crescita imprenditoriale (infrastrutture, servizi alle imprese, ecc.), configurandosi come il punto in cui coesistono molteplici livelli di interazione tra imprese (in particolare piccole e medie) ed altri “players” dello sviluppo locale, e tra imprese e fattori di dotazione (sia soft che hard).

Nel Rapporto 2010 sulle piccole e medie imprese e le economie locali di Unioncamere, i fattori territoriali soft sembrano ricoprire oggi un’importanza maggiore rispetto a quelli hard. Lo scenario economico globale moderno, infatti, privilegia fra i fattori produttivi strategici quelli immateriali, a partire per esempio dai bacini di competenze e di professionalità nei luoghi di operatività delle imprese, nonché di servizi reali di qualità.

La dimensione locale, nello scenario dell’economia globale, sembra diventare ancora più importante di prima nel determinare la competitività – e quindi i risultati economici – di imprese, lavoratori e istituzioni.

Il territorio si sostanzia infatti in un insieme di fattori determinanti per la comprensione dei differenziali di sviluppo, quali la conoscenza, il sapere, la creatività, l’innovazione e il capitale umano. Del resto il ruolo dell’offerta dei servizi reali sul territorio è ancora un fattore essenziale: circa il 19% del campione delle imprese manifatturiere ha evidenziato che la presenza di servizi tecnologicamente evoluti (assistenza alla ricerca e sviluppo, alla progettazione, al design) è un elemento importante per rilanciare la competitività dell’impresa.

Ma il rapporto Unioncamere ci dice che, per quasi un intervistato su quattro, un ruolo importante è rivestito anche dai servizi reali di tipo tradizionale (la logistica, il marketing, ecc.).

CONTINUA A LEGGERE L'EDITORIALE SU PICCOLE IMPRESE, TERRITORIO E INFRASTRUTTURE, CLICCA SULLA FRECCIA