BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CLIMA/ Allarme surriscaldamento: il metano sotto l'Artico peggio dell'anidride

Pubblicazione:

clima_ghiaccioR375_23set08.jpg

Sotto i ghiacci dell'Artico si è innescata una bomba a orologeria: lo scioglimento del Polo sta liberando nell'atmosfera milioni di tonnellate di metano, gas 20 volte più potente dell'anidride carbonica nel creare il surriscaldamento del pianeta. Enormi quantità di metano, rivela il quotidiano inglese Independent, stanno fuoriuscendo dalle acque artiche. La causa di questo: lo scioglimento troppo rapido delle masse di ghiaccio, che dovrebbero invece trattenere il gas.

 

Allarme – Questa massiccia fuoriuscita di metano, rivelano gli scienziati dell'Università di Stoccolma che stanno monitorando la situazione in Artico, è preoccupante perchè rischia di accelerare in maniera pericolosa il surriscaldamento della terra e provocare decisi cambiamenti climatici. «Ieri per la prima volta – ha dichiarato Jacob Smirnitskyi, che si trova sulla nave russa che svolge ricerche - abbiamo visto un campo dove il rilascio era così intenso che il metano non aveva tempo di sciogliersi in acqua ma arrivava in superficie sotto forma di bolle.Abbiamo rilevato, con ultrasuoni e strumenti sismici dei veri e propri “camini” di metano». Gli scienziati cercano di capire di quale sarà il rischio per il Pianeta: «In questi giorni abbiamo monitorato l'area artica e abbiamo rilevato la presenza di estese riserve di metano – spiega Orjan Gustafsson, docente dell'Univdersità di Stoccolma - Ma nei siti dove i ghiacci sono sciolti abbiamo trovato elevati quantitativi di gas che si era ormai sprigionato».

 

Causa: lo scioglimento dei ghiacci – Le ricerche dell'nternational Siberian Shelf Study, pubblicate dall'American Geophysical Union, sono state supervisionate da igor Semiletov, membro dell'Accademia Russa delle Scienze. Lo scienziato compie spedizioni in Artico dal 1994 e in questi anni non ha mai rilevato livelli così alti di metano. Dal 2003, tuttavia, lo scienziato ha riscontrato un crescente numero di “zone calde” di metano, confermate dagli strumenti all'avanguardia dell'attuale spedizione guidata da Jacob Smirnitskyi.Semiletov ha individuato diverse ragioni per cui il metano sta fuoriuscendo dall'Artico: il volume crescente dell'acqua realtivamente calda che proviene dai fiumi della Siberia, dovuta allo scioglimento del permafrost.

 

Caldo in Artico – La regione artica ha ormai una temperatura di quattro gradi in più rispetto ai decenni precedenti e si stanno sciogliendo i ghiacci del mare . Gli scienziati concordano del dichiarare che questa repentina diminuzione di ghiacciio accelera il surriscaldamento, dal momento che l'oceano aperto assorbe maggiore calore dal sole rispetto alla superficie coperta di ghiaccio.

 

GUARDA IL VIDEO SULLO SCIOGLIMENTO DEI GHIACCI IN ARTICO

 



© Riproduzione Riservata.