BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALLARME/ L’esperto: Tonno rosso in via d’estinzione, superato il punto di non ritorno

Pubblicazione:

tonnorubroR375_11nov09.jpg

 

Professor Notarbartolo di Sciara, c’è chi prende sottogamba l’allarme relativo all’estinzione del tonno rosso. È un dato di fatto o una campagna allarmista come tante altre?

 

Ci sono allarmismi che si possono sottovalutare e vere e proprie situazioni critiche. Nell’ultimo decennio per colpa della pessima gestione delle organizzazioni internazionali il problema della pesca del tonno rosso si è fatto sempre più grave. Posso con franchezza dirle che, sebbene il modo di alcuni manifestanti sia stato rivolto più a colpire l’immaginario che non a fornire dati reali, è una realtà di fatto che questa tipologia di pesce sia in via di estinzione.

 

Che cosa si sta facendo per fermare questa tendenza?

 

Da un punto di vista della comunicazione molto. È infatti una notizia che rimbalza da un sito all’altro come da un giornale all’altro. Le organizzazioni scientifiche sono anni, quasi oramai una ventina, che continuano ad avvisare gli enti preposti al controllo della pesca. Gli scienziati hanno anche svolto una notevole pressione nei confronti della Corte Europea. Quest’ultima ha più volte ammonito i paesi che gravitano intorno al mar Mediterraneo, ma senza sortire, purtroppo, alcun effetto. C’è poco da discutere: le quote di pescaggio vanno drasticamente ridotte se vogliamo salvare il salvabile. Ma il vero problema è che la politica degli stati forti europei dà assai più ascolto alle ragioni degli industriali, visto anche il difficile momento, che ai dati preoccupanti di cui disponiamo a tutt’oggi sulla situazione del tonno rosso. Per questo motivo vedo di buon occhio l’incontro di questi giorni a Recife, in Brasile, dove anche l’Iccat (Commissione internazionale per la conservazione del tonno atlantico) è stata coinvolta. Questo appuntamento è un’occasione importantissima per far sì che si prenda una seria decisione in merito a questo problema.

 

Oltre a queste organizzazioni esiste qualche Stato che sia d’accordo con queste preoccupazioni?

 

CONTINUA A LEGGERE L'INTERVISTA, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >