BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCOPERTA/ Parkinson: una nuova ricerca italiana per curare la malattia

Pubblicazione:

emoglobinaR375_22nov09.jpg

 

Che l’emoglobina sia uno dei componenti principali del sangue e che sia responsabile del suo colore rosso fiammante fa parte del comune patrimonio di conoscenze biomediche. Ora però dovremo aggiungere un nuovo paragrafo a questo capitolo: una recente scoperta italiana sta trasformando la percezione del ruolo di questa molecola nel nostro corpo. Sembra infatti che le catene dell'emoglobina non siano prodotte solo nei precursori dei globuli rossi ma rappresentino uno dei componenti di alcune cellule del nostro cervello.

La prima descrizione delle globine nel tessuto nervoso risale al diciannovesimo secolo. Più recentemente molecole di tipo globinico sono state individuate nei neuroni di vari invertebrati e successivamente neuro globine sono state identificate nel cervello dei mammiferi dove sono probabilmente coinvolte nel processo di risposta all’ipossia (cioè la carenza di ossigeno). Le nuove scoperte sono avvenute nell’ambito delle ricerche legate al morbo di Parkinson.

Presso la SISSA (Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati) di Trieste, Stefano Gustincich, rientrato in Italia dagli Stati Uniti grazie al contributo della Fondazione Giovanni Armenise-Harvard, da cinque anni studia il Parkinson e cerca di capire perché nel cervello dei parkinsoniani muoiano in maniera massiccia le cellule cerebrali dette dopaminergiche, quelle cioè che producono la dopamina che è la molecola essenziale per il controllo efficace dei movimenti corporei.

I neuroni dopaminergici sono un gruppo di cellule anatomicamente e funzionalmente eterogenee e sono implicate in una varietà di attività cerebrali. Tra di loro, quelli mesencefalici (cioè del cervello medio) sono i maggiori produttori di dopamina e si presentano in due raggruppamenti cellulari: quelli della cosiddetta sostanza nera e quelli dell’area VTA (ventral tegmental area).

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO

 



  PAG. SUCC. >