BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CLIMA/ Riscaldamento globale: quale confine fra verità e complotto?

Pubblicazione:

spionaggioR375_23nov09.jpg

 

Nella scienza la correttezza nella comunicazione dei dati è una regola fondamentale, è il punto di partenza per ogni successiva considerazione. Sembrerebbe un’affermazione scontata ma così non è.

Da un paio di giorni dilaga in internet, in particolare nei siti e nei blog specializzati in cambiamenti climatici, la notizia relativa alla pubblicazione online di centinaia di e-mail sottratte da un hacker al Centro di ricerche sul clima (CRU) dell'Università dell'East Anglia in Inghilterra.

 

Il fatto rilevante, al di là dell'episodio di pirateria in sé, è che dal contenuto di queste e-mail -corrispondenze avvenute negli ultimi dieci anni, e fino a poche settimane fa, tra importanti ed influenti scienziati sulle tematiche dei cambiamenti climatici – sembrerebbe emergere una trama di accordi tesi a filtrare contenuti e modificare dati scientifici da comunicare al grande pubblico al fine di sostenere le tesi delle teorie di global warming antropogenico (AGW), ovvero le teorie che attribuiscono all’azione dell’uomo il fenomeno del riscaldamento globale.

In realtà è da circa un decennio che l’aumento delle temperature sembrerebbe essersi arrestato e da queste lettere trasparirebbe l’imbarazzo degli scienziati e la necessità di “aggiustare” i dati per non far trapelare la cosa.

 

Il punto è che questi scienziati appartengono proprio a quella comunità scientifica dominante che determina le linee guida dei rapporti dell’ICCP, l’Intergovernmental Panel on Climate Change, e che, brandendo i timori per il riscaldamento globale, ha raccolto negli ultimi vent’anni un largo e facile consenso nel grande pubblico, guadagnandosi quindi un’esplicita capacità di lobbying internazionale nelle scelte e nelle politiche ambientali ed energetiche, ben esemplificata dal premio Nobel attribuito nel 2007 ad Al Gore e allo ICCP.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >