BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCIENZA&FEDE/ Le due anime della conoscenza che si incontrano nel Big Bang

Pubblicazione:

mistero2R375_26nov09.jpg
<< Prima pagina

 

Ilcongresso si pone come evento conclusivo delle celebrazioni organizzate dalla Santa Sede per l'Anno Galileiano e intende testimoniare – secondo Gianfranco Basti, Decano della Facoltà di Filosofia alla Lateranense e principale chairman dell’iniziativa - «il rinnovato spirito di dialogo fra scienza, filosofia e teologia che ormai da decenni caratterizza lo scenario culturale Internazionale. Uno spirito che è frutto e al tempo stesso elemento propulsore, di una nuova e reciproca consapevolezza, che finalmente si sta diffondendo, dei limiti delle varie forme di conoscenza. Esso rende il dialogo e il confronto fra le varie discipline non solo e non tanto una virtù morale, quanto una necessità logica ed epistemologica; superando i falsi concordismi o i ridicoli anatemi dei contrapposti fondamentalismi laicista e clericalista».

Sarà interessante allora seguire il dialogo che famosi fisici e matematici, come i Nobel George Smoot e Carlo Rubbia e i fisici Nicola Cabibbo, Roger Penrose, Leo Smolin e Marco Bersanelli, intesseranno con filosofi e storici della scienza come Owen Gingerich,  Marcello Pera, Enrico Berti, William Carroll, Marcelo Sanchez-Sorondo (cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze) e lo stesso Basti.

Gli interventi di teologi del calibro del Cardinal  Georges Cottier, dei Vescovi Gianfranco Ravasi e Rino Fisichella, di Charles Morerod e di Giuseppe Tanzella-Nitti, non saranno certo su posizioni difensive, in linea con quanto hanno più volte sostenuto gli ultimi pontefici.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >