BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AUTISMO/ In geni e ormoni la radice delle differenze della malattia in uomini e donne

Pubblicazione:

Sono la predisposizione genetica ed alcuni fattori ormonali ad essere alla base delle differenze nell'insorgenza dell'autismo e della schizofrenia tra maschi e femmine. Cioé proprio tale interazione tra geni e fattori ormonali la risposta al perché l'autismo si manifesta con frequenza quattro volte maggiore nei maschi e l'insorgenza della schizofrenia nelle donne è più tardiva. A dimostrarlo sono i risultati di una ricerca pubblicata online della rivista Neurobiology of Disease.

 

Lo studio, realizzato dai ricercatori del Laboratorio di Neuroscienze dello Sviluppo dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, diretto da Flavio Keller, in collaborazione con l'EBRI-Fondazione Santa Lucia di Roma, il Dipartimento di Farmacologia dell'Università di Milano, il Centro di Neuroscienze dell'Università di Torino e l'Istituto Cajal di Madrid, ha dimostrato che occorre fare attenzione alla differente esposizione del sistema nervoso centrale ad alcuni ormoni sessuali nei periodi fetale e perinatale, durante i quali si sviluppano i circuiti nervosi.

 

In particolare, operando in laboratorio su modello animale, si è studiata una mutazione genetica che interferisce con la funzione della relina, una proteina che coordina lo sviluppo e la plasticità dei circuiti nervosi e che è implicata sia nella schizofrenia che nell'autismo. I test hanno mostrato che la mutazione del gene della relina produce la perdita di cellule nervose del cervelletto solo per il genere maschile. Questi esperimenti, oltre a fornire una potenziale base neurobiologica per le differenze tra uomo e donna nelle manifestazioni cliniche dell'autismo e della schizofrenia, suggeriscono anche nuove vie per un potenziale trattamento preventivo di tali disturbi.



© Riproduzione Riservata.