BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMBIENTE/ Il verde in città? Non è solo "amor di ecologia"

Pubblicazione:

ederaR375_28set09.jpg

 

La nostra percezione dei fenomeni meteorologici e di conseguenza del clima di una data località è spesso ingannevole e per questo – commenta Luigi Mariani, del Dipartimento di Produzione Vegetale dell’Università degli Studi di Milano – «quella del meteorologo e del climatologo è da un certo punto di vista una lotta impari, tesa a sfatare storie e leggende che la feconda fantasia degli umani sforna a getto continuo».

Tuttavia un elemento del clima sul quale le nostre percezioni non s’ingannano è la sensibile differenza esistente fra clima urbano e clima delle zone rurali circostanti. Ciò perché tali differenze sono tanto consistenti e continue nel tempo da lasciare ben poco margine ad errori percettivi. In particolare, se è ancora in discussione il ruolo dell’uomo come agente causale dell’aumento delle temperature globali negli ultimi 150 anni, è da tutti pacificamente accettato l’effetto dell’uomo sul clima attraverso le modificazioni del territorio e in particolare attraverso quella serie di modificazioni che va sotto il nome di urbanizzazione.

Incontriamo Mariani a margine della Giornata di Studio sul tema «La vita degli alberi in città: un equilibrio instabile?», organizzata dall’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Milano nell’ambito del Festival dell’Ambiente. Con lui parliamo di quel fenomeno che la letteratura scientifica ha battezzato come “effetto città” e si manifesta in diverse aree urbane collocate nelle più varie regioni climatiche del pianeta, dalle zone desertiche alle medie e alte latitudini.

Cosa implica, dunque, in termini quantitativi l’effetto città per le diverse variabili meteorologiche? «Per comprendere come nasce l’effetto città dobbiamo anzitutto osservare che l’ambito urbano differisce da quello rurale per una serie di aspetti quali: la ridotta presenza di vegetazione; la forma della superficie, che fa assimilare le vie delle città a dei profondi canyon; il colore, che in città è ben diverso dal verde che domina in campagna; e naturalmente, l’intensità delle attività umane, che introducono in città intense combustioni, con il conseguente rilascio di calore, di emissioni di inquinanti gassosi, di polveri e così via. Sono tutti fattori che portano a una sensibile alterazione delle temperature».

Il primo e più macroscopico effetto climatico è quello sulla temperatura dell’aria, effetto noto come “isola di calore urbano” (Urban Heat Island o UHI) e che può essere espresso come differenza fra la temperatura dell’area urbana e quella di un’area rurale circostante. «Bisogna però subito precisare che l’isola di calore urbano è un fenomeno molto diverso per cause ed entità rispetto al cosiddetto riscaldamento globale: mentre infatti le temperature globali negli ultimi 150 anni hanno registrato variazioni di circa 0,7 °C, le temperature in un centro cittadino nello stesso periodo possono aver subito sbalzi anche di 3,5 °C). Resta il fatto che la vegetazione è un potente strumento di mitigazione dell’isola di calore, in quanto: favorisce la riflessione dell’energia solare; intercetta la stessa radiazione solare impedendo che le superfici urbane si riscaldino; emette gran parte dell’energia assorbita nella forma cosiddetta di calore latente e non in forma di calore sensibile (quello che si misura con i termometri e che ci fa dire “che caldo che fa”).

 

CONTINUA A LEGGERE L'INTERVISTA, CLICCA IL NUMERO "2" QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >