BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SMOG/ Dieci regole per salvare la Terra dal disastro ambientale

Pubblicazione:

nuvolameR375_29set09.jpg

 

In vista dell’incontro sul clima nel prossimo dicembre a Copenhagen, per negoziare restrizioni a ciascun Paese, un gruppo di scienziati ambientali guidato da Johan Rockstrom di Stoccolma ha cercato di stabilire dei limiti per i processi bio-fisici che determinano la capacità della Terra di autoregolarsi (lo studio è descritto nell’ultimo numero della rivista Nature). Sono stati presi in considerazione dieci processi. Di questi, tre (cambiamenti climatici, velocità di perdita della biodiversità, ciclo dell’azoto) hanno già superato le soglie critiche. In particolare: la concentrazione atmosferica dell’anidride carbonica è a livello di 387 parti per milione, contro le 350 proposte da Rockstrom e le 280 della situazione preindustriale; il numero di specie per milione che scompaiono annualmente è pari a 100, contro le 10 proposte e una sola a livello preindustriale; infine la quantità di azoto sottratta all’atmosfera per uso umano, che in epoca preindustriale era nulla, ora è 121 contro le 35 previste dal modello.

Gli altri sette processi sembrano presentare ancora dei margini di sicurezza; ci limitiamo a darne l’elenco: ciclo del fosforo, impoverimento dell’ozono stratosferico, acidificazione dell’oceano, consumo dell’acqua dolce, cambiamento d’uso del terreno (conversione a uso agricolo), immissione di aerosol nell’atmosfera, inquinamento chimico.

È un tentativo di misurare come l’umanità sta sollecitando il sistema Terra. Finché si rimane entro opportuni limiti per i dieci processi considerati, per ogni variazione si innescano dei meccanismi di compensazione che permettono di mantenere un equilibrio dinamico che assicuri la vivibilità del sistema.

I limiti proposti corripondono alla rottura di questo equilibrio dinamico con conseguenze non valutabili in quanto si innescano dinamiche nuove che potrebbero generare disastri ambientali.

Questi limiti dipendono dai modelli adottati; essi non risultano da un esperimento già effettuato. È questa la differenza rispetto a una sperimentazione di laboratorio, in cui, da Galileo, la scienza moderna ha imparato a impostare esperimenti significativi e ripetibili, in modo da estrarre misure affidabili.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL NUMERO "2" QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >