BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BIODIVERSITA’/ Come mantenere tutte le sfumature della vita?

Pubblicazione:

cacatuaR375_10gen10.jpg

 

Seguono poi una serie di indicazioni per la necessaria collaborazione e integrazione delle attività dei singoli stati, che comunque si impegnano:

- a identificare gli elementi importanti della diversità biologica ai fini della conservazione e di un'utilizzazione durevole;

- a controllare, mediante campionamento e altre tecniche, gli elementi costitutivi della diversità biologica identificati, prestando particolare attenzione a quegli elementi che richiedono urgenti misure di conservazione e a quelli che offrono maggiori possibilità di utilizzazione durevole;

- a identificare e a monitorare gli effetti di quei processi e quei tipi di attività che rischiano di avere gravi impatti negativi sulla conservazione e l'utilizzazione durevole della diversità biologica,;

- a conservare e gestire opportunamente i dati derivati dalle attività di identificazione e di controllo sopra indicate.

Si tratta di garantire la biodiversità nei diversi ecosistemi: quindi a livello agricolo e forestale, nelle zone aride e sub-umide, nelle acque interne, nelle aree marine e costiere, nelle isole.

La CBD contempla una serie di attività distinguendole tra quelle cosiddette in situ e ex situ. Le prime sono quelle svolte nello stesso ambiente in cui le specie oggetto di conservazione vivono; comprendono quindi le aree protette e le reti ecologiche, la gestione della fauna, le attività forestali e di gestione della flora, i piani di uso dei suoli. A livello europeo, lo strumento principale per lo sviluppo di tali attività è Natura 2000, la rete ecologica diffusa su tutto il territorio dell'Unione, istituita ai sensi della Direttiva Habitat per garantire il mantenimento a lungo termine degli habitat naturali e delle specie di flora e fauna minacciati o rari a livello comunitario. La rete Natura 2000 è costituita da Zone Speciali di Conservazione (ZSC) istituite dagli stati membri e comprende anche le Zone di Protezione Speciale (ZPS) istituite ai sensi della Direttiva Uccelli.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >