BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BIODIVERSITA’/ Come mantenere tutte le sfumature della vita?

Pubblicazione:

cacatuaR375_10gen10.jpg

 

Le attività ex situ riguardano azioni che si possono svolgere al di fuori dagli ambienti naturali specifici: ci si riferisce quindi a iniziative come le banche dei semi, le colture microbiche o tissutali in-vitro, ma anche le attività che fanno ricorso temporaneamente ai classici zoo, acquari e giardini botanici.

C’è poi tutta una parte della Convenzione che concerne gli aspetti di conoscenza, documentazione, e informazione ed è imperniata sul Clearing House Mechanism (CHM), un sistema di interscambio dinamico delle conoscenze finalizzato ad assicurare la più ampia cooperazione scientifica e tecnologica, la diffusione capillare delle informazioni, lo sviluppo e l’interconnessione di network.

Da quando è stata costituita, la CBD è stata ratificata da quasi 200 Paesi ed è stata il punto di riferimento per altre dichiarazioni e convenzioni. Va segnalata, in particolare, la “Carta di Siracusa” sulla Biodiversità, sottoscritta dai Ministri dell’ambiente del G8 di concerto con i Ministri di Australia, Brasile, Cina, Repubblica Ceca, Egitto, India, Indonesia, Messico, Repubblica di Corea, Sud Africa, Svezia e con le Organizzazioni Internazionali partecipanti al meeting di Siracusa nello scorso aprile. La Carta indica una serie di azioni necessarie per conseguire i tre obiettivi della CBD, anche in relazione al problema dei cambiamenti climatici, al nuovo contesto economico e alle prospettive del dopo-2010; ritenendo essenziale una riforma della governance ambientale, a tutti i livelli, ai fini dell’integrazione della biodiversità e dei servizi ecosistemici nei processi politici.

Resta da vedere se a tante dichiarazioni e decaloghi corrisponderà realmente la capacità di agire in modo coerente e soprattutto efficace. Un bilancio sarà comunque possibile a fine ottobre a Nagoya (Giappone), quando si terrà la decima Conferenza delle Parti (COP 10), cioè l’organismo – comprendente tutti i Paesi firmatari – che governa e verifica l’attuazione di quanto previsto dalla Convenzione.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.