BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCOPERTA/ L’invenzione di Khin Yap il "papà" dei nanotubi immuni all’acqua e al fuoco

nanoboroR375_18gen10.jpg (Foto)

 

Quello che più ha convinto gli scienziati è l’ulteriore caratteristica di questi fogli di essere idrorepellenti, cioè il fatto di respingere l’acqua come le piume di un’oca: l’acqua scivola via e qualsiasi cosa venga ricoperta con un rivestimento superficiale di BNNT non solo sarà resistente alle macchie ma sarà protetta da ogni sostanza che sia solubile in acqua. Per di più, questa super idrofobicità si manifesta a tutti i livelli di pH, cosicché i materiali ricoperti di nanotubi di nitruro di boro saranno al riparo anche dagli acidi più potenti.

Una volta trovato il metodo per produrre con facilità BNNT, Yap e i suoi collaboratori continuano a sperimentare nuove soluzioni e nuove combinazioni, abbinando in tutti i modi possibili gli elementi di base: Carbonio (C), Boro (B) e Azoto (N), per ricavare nanostrutture di tipo C, B-N, B-C-N e C-N.

Dal laboratorio dell’università del Michigan i nuovi materiali vengono collaudati per poter essere prodotti sfusi, oppure in film sottili o configurati in nanostrutture. Gli obiettivi sono di trovare nuove proprietà e nuove funzionalità di composti adatti per le applicazioni in elettronica avanzata, fotonica, chimica e biochimica.

 

(Michele Orioli)

© Riproduzione Riservata.