BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ENERGIA/ Tutti i dati finiscono in rete (purché sia “intelligente”)

Pubblicazione:

altatensione_energia_smartgridR400.jpg
<< Prima pagina

Che quella delle smart grid non si solo  un’esercitazione teorica risulta evidente da una serie di esperienze che Drago segnala. Come l’Olympic Peninsula Project, sostenuto dal Dipartimento dell’Eneergia Usa (DOE) e col Pacific Northwest National Laboratory a capo di un pool di aziende e centri di ricerca: è un sistema di controllo automatico dei costi, attuato tramite la simulazione del sistema elettrico in tempo reale sulla base dei dati prelevati dalle apparecchiature dell’utente finale e disponibili in rete; il consumatore può accedere a una bolletta simulata che mostra la differenza tra diversi stili di utenza elettrica. «I primi test hanno mostrato una possibile riduzione significativa dei consumi».

Altro esempio è il progetto Edison (Electric vehicles in a Distributed and Integrated market using Sustainable energy and Open Networks) realizzato in Danimarca da un insieme di soggetti (IBM, DONG Energy, azienda energetica di Oestkraft, Technical University di Danimarca, Siemens, Eurisco e l’Associazione Danese per l’Energia): in questo caso la smart grid consente la gestione ottimizzata del sistema di ricarica dei veicoli elettrici, in vista del loro futuro prevedibile aumento.

(a cura di Mario Gargantini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.