BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPAZIO/ I magnifici quattro (satelliti) che scrutano la Terra dal cielo

Pubblicazione:

skymedR400.jpg
<< Prima pagina

COSMO-SkyMed consente la copertura globale del pianeta, operando in qualsiasi condizione meteorologica e di illuminazione (giorno/notte) e fornisce immagini geolocate ad elevata risoluzione spaziale con tempi di risposta estremamente rapidi. È in grado di fornire, su scala planetaria, informazioni del tutto innovative per lo studio e il controllo dell’ambiente in un notevole numero di applicazioni, con particolare riferimento alla prevenzione, al monitoraggio e alla gestione dei rischi naturali ed antropici. Ma il suo vero punto di forza – dicono all’ASI - è la straordinaria flessibilità di utilizzo: è stato infatti concepito come un sistema multi-missione in grado di integrarsi con altri sistemi satellitari, proprio per soddisfare le esigenze di una vasta comunità di utenze.

COSMO-SkyMed rappresenta il più grande investimento italiano nel settore dell’Osservazione della Terra e costituisce una realizzazione all’avanguardia in campo mondiale. Il lancio del primo satellite è avvenuto a metà del 2007, seguito dal secondo nel dicembre dello stesso anno e dal terzo a ottobre 2008.

Ora che è completo, il sistema potrà operare secondo tre modalità. Ci sarà l’attività di routine, nella quale la pianificazione viene effettuata ogni 24 ore. Ci potrà essere la modalità operativa definita di “crisi”, nella quale la pianificazione sarà effettuata ogni 12 ore con possibilità di definire aree sulle quali tutte le richieste di ripresa avranno priorità assoluta. Infine potrà operare in “emergenza”, con modalità asincrona attivata in circostanze eccezionali al fine di ottenere un’acquisizione nel più breve tempo possibile e fornire importanti informazioni a coloro che pianificano ed eseguono le operazioni di assistenza e soccorso e a chi si occupa della valutazione dei danni.

La costellazione COSMO-SkyMed è in grado di acquisire fino a 1800 immagini al giorno. Tra le possibili applicazioni basterà citare: la prevenzione e la gestione dei disastri ambientali, il controllo degli oceani e delle coste, il controllo delle risorse agricole e forestali, il controllo degli edifici e la cartografia; quest’ultima con la possibilità di realizzazione un modello digitale tridimensionale del suolo a elevata precisione utilizzabile in una molteplicità di ulteriori applicazioni.
 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.