BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ENERGIA/ L’Italia delle rinnovabili al bivio: innovativa o gregaria?

Pubblicazione:

Pannelli_SolariR375.jpg

 

Tornando al “chiaro”, il rapporto segnala che nel 2009 il consumo interno di energia da fonti rinnovabili è aumentato del 16% e rappresenta ormai un quinto dei consumi complessivi di elettricità; la produzione di energia elettrica da rinnovabili è crescita del 17%, pari a poco meno di un quarto del totale della produzione nazionale. Settori quali il fotovoltaico, l’eolico, i rifiuti e le biomasse hanno registrato l’incremento più significativo, raggiungendo una quota pari al 32% del totale dell’energia prodotta da fonti rinnovabili, che comprendono anche settori “tradizionali” quali l’idroelettrico e il geotermico.

 

Il problema è evidentemente il futuro. Qui sono interessanti le analisi dell’Enea che considera due tipologie di scenario: uno detto di “riferimento”, che delinea l’evoluzione del sistema con la normativa attuale; l’altro di “intervento”, che indica i trend del sistema con l’introduzione di misure più stringenti in materia di energia e ambiente.

 

Nel primo caso si prevede che i consumi finali di energia riprendano a crescere con il superamento della crisi economica. Nel secondo, i consumi energetici potrebbero ridursi ulteriormente per effetto dell’accelerazione tecnologica in alcuni settori e, sul lungo termine (al 2050), potrebbero essere di oltre il 20% inferiori a quelli dello scenario di “riferimento”.

 

Inoltre, si avrebbe una corrispondente riduzione delle emissioni di CO2 (già diminuite di circa il 15% rispetto al 2005), derivata essenzialmente dal calo della domanda di energia, come conseguenza dell’incremento di efficienza, di un uso più razionale dell’energia e di una crescita della produzione termica da fonti rinnovabili; ma anche di una maggior diffusione di tecnologie low-carbon nella generazione elettrica: cioè rinnovabili, nucleare e fonti fossili con tecnologie “pulite” come quelle CCS (Carbon Capture and Storage, cattura e sequestro del carbonio). Bisogna però concludere purtroppo con un altro “scuro”.

 

Se è vero che negli ultimi anni, gli investimenti italiani nei nuovi settori delle tecnologie low-carbon hanno mostrato un apprezzabile tasso di crescita (persino superiore a quello Usa, nota il Rapporto) è altresì vero che tali investimenti risultano ancora scarsamente concentrati sull’innovazione tecnologica. Nel nostro Paese le politiche d’incentivazione alle rinnovabili non hanno inciso nello sviluppo di una soddisfacente filiera industriale nazionale, diversamente da quanto si è verificato, ad esempio, in Germania. Nel settore delle rinnovabili, i dati più recenti indicano che l’Italia ha una propensione a importare componenti superiore alla media dei Paesi UE (a 15), principalmente nel settore fotovoltaico.

 

Se di strategia si deve allora parlare, non si può che iniziare dal capitolo: “innovazione tecnologica”.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.