BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TUMORI/ L'Aspirina riduce il rischio del 20%: nuovo studio inglese sull'acido acetilsalicilico e il cancro

Pubblicazione:

acetilsalicilico_R400.jpg

TUMORI: L'ASPIRINA RIDUCE IL RICHIO - L'assunzione di acido acetilsalicilico (il principio attivo contenuto nell'Aspirina e - ovviamente - nei farmaci "generici" corrispondenti) in piccole dosi e in modo continuativo ridurrebbe il rischio di mortalità per tumore con una incidenza media del 20% e che arriva a punte del 40% per alcune tipologie di cancro.

 

Lo studio è stato pubblicato dalla rivista scientifica Lancet firmato da ricercatori inglesi della Oxford University. Secondo lo studio 75 milligrammi al giorno di acido acetilsalicilico assunti per almeno cinque anni sarebbero in grado di combattere i tumori.

 

L'incidenza sul rischio di tumori è però diversa a seconda della tipologia e lo studio entra nei dettagli di queste diverse risposte all'assunzione continuativa del farmaco.

 

Secondo gli esperti lo studio, che andrà ovviamente approfondito e a cui dovrà certamente seguire una sperimentazione clinica più mirata, apre prospettive interessanti anche perché il principio attivo è a basso costo, la dose è molto contenuta (e quindi non presenta controindicazioni particolare salvo allergie e poco altro) e i benefici potenziali, già rilevati nel caso del tumore al colon sono assolutamente rilevanti.

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER I DETTAGLI DELL' INCIDENZA DELL'ASPIRINA SUI DIVERSI TIPI DI TUMORE



  PAG. SUCC. >