BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHIMICA/ L'arcobaleno nel Titanio: in mostra i colori tra scienza ed arte

Pubblicazione:

titanio4R375.jpg

Lo spessore e, quindi, il colore dipendono dal potenziale applicato; passando da 0 a 140 volt lo spessore cresce e i colori cambiano nella sequenza: giallo, porpora, blu, azzurro, argento, giallo, rosa, violetto, cobalto, verde, verdegiallo, rosa, verde.

 


C’è da aggiungere che le proprietà del titanio di resistenza alla corrosione, biocompatibilità e tossicità sono esaltate dalla presenza di un film di ossido, che è solo di spessore maggiore rispetto a quello che si forma spontaneamente all’aria.


Sarà difficile, per chi si accosterà anche solo brevemente a queste e alle altre opere esposte, resistere al fascino di colori, forme e movimenti che fanno dimenticare le complesse spiegazioni che le sottendono e la sofisticata strumentazione a volte necessaria per produrle. Un fascino che predispone ad accostarsi più volentieri al nuovo mondo delle nanotecnologie che con intuizione geniale e con genuina semplicità Pedeferri ha anticipato di qualche decennio.


PERLA FOTOGALLERY DELLE OPERE D’ARTE IN TITANIO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >