BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SONDAGGI/ Italiani più positivi verso la scienza? Forse. Ma i luoghi comuni restano in agguato

Secondo i dati contenuti nel sesto rapporto del Centro Ricerche Observa – Science in Society, molti italiani ignorano le conoscenze scientifiche scolastiche di base, ma sono sempre di più quelli convinti che «solo la scienza può dirci la verità sull’uomo». Come interepretare la ricerca? Ce lo spiega MARIO GARGANTINI

microscopioR375_14feb10.jpg (Foto)

Alla domanda se siano più grandi gli atomi o gli elettroni, due terzi degli italiani rispondono candidamente che sono più grandi gli elettroni; mentre un buon 40% ritiene che il Sole sia un pianeta. Sono solo due delle perle che emergono dai dati rilevati dall’Osservatorio Scienza e Società e contenuti nel sesto rapporto del Centro Ricerche Observa – Science in Society, riportato e commentato nell’Annuario Scienza e Società 2010 pubblicato da Il Mulino a cura di Massimiano Bucchi e Federico Neresini.

 

Il Centro Observa conduce un monitoraggio permanente sul rapporto tra i cittadini e la scienza e sulla copertura di temi scientifici e tecnologici nei media italiani e non manca di rivelare sorprese e situazioni interessanti. L’analisi dei dati del 2009 in verità non presenta risultati particolarmente sconvolgenti, anche se basterebbero le due risposte sopra indicate per gettare un’ombra pesante sulle nostre scuole e su tanta cosiddetta divulgazione.


In verità, l’esame più dettagliato dei risultati mostra un lieve miglioramento della situazione rispetto all’anno precedente, una leggero aumento delle conoscenze e una certa maggior predisposizione della gente a sviluppare atteggiamenti positivi nei confronti della ricerca scientifica. Sono anche in fase di crescita le visite a musei e mostre scientifiche e la partecipazione a eventi quali festival, conferenze e dibattiti pubblici su questioni legate alla scienza e alla tecnologia.


Leggi anche: MEDICINA/ Taroni (Besta): così diagnosticheremo l’atassia ereditaria

 

Leggi anche: EVOLUZIONE/ Ayala (premio Templeton): la risposta alle domande più importanti non verrà dalla genetica

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO