BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEDICINA/ Il neuro-scienziato: cureremo la sclerosi multipla con le staminali adulte

Pubblicazione:

cervellobluR375_28gen09.jpg
<< Prima pagina

Una prima caratteristica è quella di essere in grado di modulare la risposta immunitaria. La sclerosi multipla è una di quelle malattie causate dall’attacco, da parte del nostro sistema immunitario, alla mielina. Di norma le cellule immunitarie agiscono solo in presenza di agenti esterni. Per diversi motivi, quando qualcosa non funziona, queste cellule cominciano ad attaccare il nostro corpo. La capacità di mediare dunque questo tipo di risposta da parte delle mesenchimali, rende queste staminali in grado di controllare il processo che è alla base della malattia.
 

 

L’altra caratteristica?

 

La seconda caratteristica, non meno importante della prima, è quella che vede le mesenchimali capaci di produrre fattori neurotrofici. Essi sono delle sostanze in grado di proteggere le cellule del sistema nervoso. Una funzione molto importante se si considera che sono proprio loro quelle danneggiate nella sclerosi multipla.
 

Come avverrà la sperimentazione?

 

Innanzitutto questa sperimentazione avverrà dopo un lungo lavoro di caratterizzazione delle capacità di queste cellule avvenuto in laboratorio. Bisogna però precisare che a differenza di quello che si sente spesso sulle staminali, capaci di rigenerare qualsiasi tessuto, questa sperimentazione si pone l’obbiettivo di proteggere le zone colpite dalla malattia. Ciò grazie a quelle due particolari caratteristiche che ho illustrato precedentemente. Le cellule staminali mesenchimali verranno iniettate endovena con l’obiettivo di ottenere un miglioramento nei parametri di attività radiologica della malattia. Questa che sta per iniziare sarà una sperimentazione internazionale coordinata da me per l’Europa e per il Nord America da Mark Friedman, dell'università di Ottawa (Canada). Coinvolgerà circa 150 pazienti nel mondo,tra i 20 e i 30 italiani, con una malattia ancora attiva ma, importante sottolinearlo, non in fase avanzata. Persone nelle quali le cure tradizionali non hanno dato i risultati sperati. Nel giro di un anno, in attesa di tutte le autorizzazione del caso, dovremmo riuscire a partire con il progetto.
 

(a cura di Daniele Banfi)

 

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.