BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMBIENTE/ Autobus e tram in viaggio verso la green economy

Pubblicazione:

Un tram di Milano (Foto Imagoeconomica)  Un tram di Milano (Foto Imagoeconomica)
<< Prima pagina

Questi importanti risultati ottenuti dai mezzi su rotaia, oltre a essere dovuti a una minor resistenza aerodinamica e a un minor attrito rispetto ai veicoli su gomma, sono direttamente correlati allo sviluppo della tencologia dei sistemi di accumulo. In questi ultimi anni si sono compiuti numerosi passi avanti nel campo della ricerca e dell’applicazione di apparati in grado di immagazzinare l’energia sviluppata dalla frenata dei convogli.

 

Energia che viene così recuperata e immessa nuovamente nella rete ma che senza questi sistemi andrebbe totalmente persa sotto forma di calore. Come illustrato dall’ingegner Pietro Tricoli dell’Università di Napoli, sono allo studio sistemi ancor più efficienti di accumulo di energia attraverso batterie al litio e supercondensatori elettrostatici.

 

In conclusione, da quello che abbiamo potuto apprendere, è lecito pensare che i metodi sempre più complessi utilizzati nel risparmio energetico e nello sviluppo di energie ecosostenibili siano totalmente privi del fattore umano. In realtà ciò è falso e trova riscontro in un singolare dato, presentato dall’ingegner Morris Brenna del Politecnico di Milano, sull’influenza dello stile di guida di tram e treni nel consumo di energia.

 

Diversi studi effettuati dalla Bombardier, una delle aziende leader nella produzione di materiale rotabile, hanno infatti evidenziato un diverso e significativo consumo di energia dovuto ai differenti stili di guida adottati dai macchinisti. Un modo dunque per rendere più efficiente ed ecosostenibile il trasporto su rotaia deve necessariamente passare per una corretta formazione degli operatori addetti alla guida dei convogli.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.