BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Scienze

ALZHEIMER/ Identificati i test per prevedere lo sviluppo della malattia

Ricercatori dell'università di California individuano due nuovi test che permettono di indentificare lo sviluppo dell'Alzheimer. Sono test molto più attendibili di quelli usati fino ad oggi

ALZHEIMER_R375.jpg(Foto)

Prevedere l’Alzheimer. Due test per identificare lo svilupparsi dell’Alzheimer. Sono stati identificati dai ricercatori due test, dodici volte più attendibili di quelli fatti fino ad oggi, per capire se una persona sta sviluppando l’Alzheimer, quella malattia senile – ma si può manifestare anche prima della cosiddetta vecchiaia – che è in pratica un processo degenerativo che distrugge progressivamente le cellule cerebrali, rendendo a poco a poco l'individuo che ne è affetto incapace di una vita normale. Ne soffrono in Italia quasi un milione di persone. I due test identificati dai ricercatori sono la tomografia a emissione di positroni (Pet Scan) del cervello e il test di memoria episodica, un esame dove i partecipanti devono ricordare una lista di parole.

Lo studio è stato pubblicato dalla rivista dell'Accademia Americana di Neurologia, ed è stato eseguito da alcuni ricercatori dell’università della California a Berkeley. I due nuovi test si sono rivelati di gran lunga più attendibili di quelli usati fino ad oggi , e cioè analisi del sangue per verificare l'esistenza di una variante del gene Apoe, associata alla malattia di Alzheimer; l'imaging a risonanza magnetica (Mri), per misurare la grandezza dell'ippocampo dei pazienti, la parte del cervello responsabile dell'apprendimento e della memoria e la verifica della presenza anomala delle proteine tau e beta-amiloide nel cervello.