BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARI APOCALITTICI/ Italia sommersa, monti enormi e terremoti: ecco cosa accadrebbe se la Terra smettesse di girare

Pubblicazione:

catastrofenaturaleR375.jpg

TERREMOTI DEVASTANTI - Questo provocherebbe cambiamenti climatici disastrosi e sconvolgimenti geologici altrettanto radicali, che si manifesterebbero accompagnati da potentissimi terremoti. La mancanza dell’effetto centrifugo farebbe sì che la gravità terrestre sarebbe l’unica forza a controllare l’estensione degli oceani. I principali corpi celesti come la Luna e il Sole giocherebbero a loro volta un ruolo, ma a causa della loro distanza, il loro impatto sarebbe trascurabile. E quindi l’enorme rigonfiamento dell’acqua degli oceani – che ora è alto circa 8 chilometri lungo l’equatore – migrerebbe verso il punto in cui la forza di gravità è più potente, cioè i poli. Il rigonfiamento è causato infatti dalla forza centrifuga della Terra che ruota a una velocità di ben 1.667 chilometri l’ora all’altezza dell’equatore.

 

MONTI ALTI 13 CHILOMETRI - Senza questa velocità gli oceani scorrerebbero verso i poli, facendo emergere le terre all’altezza dell’equatore. Originando così un super-continente equatoriale e due grandi oceani polari. Nel continente le montagne risulterebbero molto più alte di quello che sono attualmente l’Everest e il K2. Le Ande Colombiane raggiungerebbero i 12.280 metri, il vulcano di Chimborazo (Ecuador) e del Kilimanjaro (Tanzania) rispettivamente i 13.615 e i 12.786 metri. Dei Paesi emersi attualmente esistenti se ne salverebbe soltanto una parte. In Europa eviterebbero di essere sommerse soltanto la Spagna, una parte della Grecia, che però si trasformerebbe in una serie di isolette senza alcun collegamento tra di loro, e tre delle venti regioni italiane.

 

PER SAPERE QUALI SONO LE TRE REGIONI ITALIANE CHE SI SALVEREBBERO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >