BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCENARI APOCALITTICI/ Italia sommersa, monti enormi e terremoti: ecco cosa accadrebbe se la Terra smettesse di girare

Pubblicazione:

catastrofenaturaleR375.jpg

DUE ENORMI OCEANI POLARI - Per capire quali regioni italiane si salverebbero dall'essere sommerse e quali no, occorre tenere conto del fatto che il rallentamento della rotazione provocherebbe continui cambiamenti del contorno dell’oceano. Che rimarrebbe unito solo fino al momento in cui la rotazione terrestre continuasse a essere significativa, per poi dividersi definitivamente in due grandi oceani. Con l’ultimo collegamento situato nel punto più basso della linea equatoriale, cioè a sud-ovest delle isole Kiribati, che alla fine però diventerebbe a sua volta asciutto. Il Pacifico occidentale sarebbe invece il primo tratto di mare a trasformarsi in terraferma. E dopo la divisione iniziale, non ci sarebbe più alcuna possibilità di collegare tra loro l’oceano settentrionale e quello meridionale.

 

SI SALVANO SOLO CALABRIA, SICILIA E PUGLIA - Facile a questo punto intuire che, anche se la cosa non farà certo piacere ai sostenitori della Lega, il Nord Italia affonderebbe, mentre una parte del Meridione riuscirebbe a sopravvivere. In particolare scamperebbero all'allagamento tutta la Sicilia, la Calabria e, in Puglia, soltanto il Gargano. 

 

SOLTANTO UN'IPOTESI? - Ma quella di Fraczek è soltanto un’ipotesi fantascientifica? In realtà, perché la Terra si fermi da un giorno all'altro occorrerebbe uno schianto violentissimo con un asteroide, come quello previsto con Apophis per il 2036. Ma se anche il nostro Pianeta, grazie a un intervento in stile Armagheddon, riuscisse a evitare l'impatto con Apophis, la sua rotazione rischia ugualmente di fermarsi. 

 

PER SCOPRIRE PERCHE' LA TERRA RISCHIA DI FERMARSI E GUARDARE VIDEO E PHOTOGALLERY CON LA SIMULAZIONE, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >