BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Scienze

SCENARI APOCALITTICI/ Italia sommersa, monti enormi e terremoti: ecco cosa accadrebbe se la Terra smettesse di girare

Che cosa succederebbe se la Terra si fermasse? E’ lo scenario apocalittico ipotizzato da Witold Fraczek, ricercatore dell’Esri

catastrofenaturaleR375.jpg(Foto)

Che cosa succederebbe se la Terra si fermasse? E’ lo scenario apocalittico ipotizzato da Witold Fraczek, ricercatore dell’Esri. Che è partito da un presupposto molto semplice: la percezione di qualsiasi persona è che la Terra rimanga ferma, e solo con il progresso scientifico si è scoperto che invece ruota intorno a se stessa. Se per qualche ragione, come la collisione con un asteroide o l’effetto gravitazionale di altri corpi celesti, il nostro pianeta dovesse interrompere la sua rotazione, il mondo come lo conosciamo oggi ne sarebbe letteralmente sconvolto. E i cambiamenti più radicali riguarderebbero gli oceani e gli altri specchi d’acqua. Il livello del mare è infatti il risultato dell’equilibrio tra due forze opposte: la gravità terrestre, che attrae l’acqua verso il centro della Terra, e l’effetto centrifugo, originato dalla rotazione del nostro pianeta.

Nell’arco di alcuni miliardi di anni, la Terra ha assunto la forma di un ellissoide (che può essere paragonato a una sfera appiattita). Di conseguenza, la distanza dal centro della Terra è maggiore attorno all’equatore e minore nei circoli polari. E attualmente la differenza tra il livello del mare lungo l’equatore e all’altezza dei poli è di circa 21,4 chilometri. «Che cosa accadrebbe se la rotazione terrestre rallentasse fino a fermarsi del tutto nell’arco di pochi decenni?», si è domandato Fraczek? Che ha immaginato quali sarebbero le conseguenze di questo incredibile fenomeno, qualora la Terra continuasse però a ruotare attorno al Sole e la sua asse mantenesse la stessa inclinazione. Con il risultato quindi che la durata dell’anno rimarrebbe la stessa, mentre il giorno avrebbe la durata di un anno.