BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA/ Creamer (NASA): "esploratori aperti all'infinito", così ho vissuto sei mesi sulla Stazione Spaziale

L'interno dell'Iss L'interno dell'Iss

In questo momento credo si stia pensando al 2020, ma gli ingegneri tengono sotto controllo costante i materiali per stabilire se dureranno effettivamente così a lungo e verificare la correttezza delle loro stime.

 

I due elementi che influenzano la durata sono la integrità dei materiali e, a rovescio, il loro collasso. Se si verificano flessioni nello scafo, dovute per esempio a vibrazioni durante l’aggancio di uno shuttle o ad altre cause, si creano dei punti di sforzo che mettono sotto stress il materiale, abbreviando la vita della stazione.

 

Un altro fattore è dato dal difficile ambiente nello spazio. Se delle chiusure ermetiche sono state esposte a ossigeno atomico, il rischio è che queste vengano progressivamente deteriorate e devono, perciò, essere costantemente controllate e sostituite quando è necessario.

 

Infine, non per tutti i componenti a bordo ci sono ricambi disponibili: se rimane danneggiata una grossa batteria solare o un grosso radiatore sarà molto difficile rimpiazzarlo, non possiamo di certo scendere e andare al negozio all’angolo della strada. Anche in questi casi si accorcerà la vita della stazione.

 

Quali sono state le cose migliori e le maggiori sfide durante la sua permanenza nello spazio, e come l’ha preparata il suo training per affrontarle?


CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO