BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PROTAGONISTI/ L'amico dei fiori e delle stelle, nel ricordo di un allievo

Pubblicazione:

CampodeiFiori_R375.jpg

Nella notte dell’11 agosto ci ha lasciati il prof. Salvatore Furia, scienziato autodidatta ed eclettico, amico dei fiori e delle stelle. Ha trascorso la vita a costruire, studiare, dialogare, educare. La città di adozione, Varese, gli ha riservato esequie solenni per onorarne l’appassionato impegno per l’ambiente, l’opera di divulgatore ed educatore, per le quali ricevette la medaglia d’oro della Pubblica Istruzione (1971) e molte altre importanti onorificenze.

Fondatore del Centro Geofisico Prealpino, pioniere della prevenzione meteo, da anni è popolare per i pensieri positivi che accompagnano i suoi bollettini nel Gazzettino Padano della Rai. Va ricordato per le sue battaglie per il lago di Varese, i parchi del Ticino, di Tradate e quello più amato: Campo dei Fiori. Su quella montagna voleva riposare; il luogo si chiama significativamente Punta Paradiso (1227 m), ed è uno spettacolare balcone sulla pianura e l’intera cerchia delle Alpi. Lì sorge la sua creatura: la Cittadella di Scienze della Natura, realizzata in mezzo secolo di lavoro con l’apporto di generazioni di giovani che lì impiegano il tempo libero nel lavoro, lo studio e l’accoglienza di visitatori e scolaresche.

Salvatore Furia nacque a Catania nel 1924 e ancora sedicenne si trasferì per sempre a Varese, dove iniziò la carriera dal basso con umili lavori, fino a diventare funzionario dell’ufficio IVA. Autodidatta e appassionato di astronomia, riuscì dopo il lavoro a frequentare l’osservatorio di Brera.

Conquistò la stima dell’influente direttore Francesco Zagar e fu ammesso nel 1957 nella Società Astronomica Italiana (raro onore per un astrofilo). Anni dopo, Zagar gli chiese di trasferirsi a Cape Canaveral, come esperto della Luna. Ma Furia era ormai impegnato in una coinvolgente impresa: costruire un osservatorio popolare sul Campo dei Fiori, un ponte ideale di comprensione tra la scienza e il popolo, per dare a tutti la possibilità di conoscere e ammirare la bellezza del cielo e della natura.



 

CLICCA IL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE LA LETTURA DELL'ARTICOLO



  PAG. SUCC. >