BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NANOTECNOLOGIE/ La nuova frontiera della cura infracellulare non è così lontana...

Pubblicazione:

nanomedicina_R375.jpg
<< Prima pagina



Per descrivere il percorso che sta portando verso traguardi insospettati, Pierotti parte addirittura da un parallelo tra la medicina e la cosmologia: «Un parallelo che ha origini antiche: già nella cultura greca si parlava dell’uomo come “micros cosmos” e nei secoli le grandi domande che muovono il cuore dell’uomo ruotano attorno a queste due scale estreme. Oggi c’è un ulteriore fattore che accomuna micro e macro e sono le nuove tecnologie. Nelle scienze della vita, i grandi progressi, come la decifrazione del DNA, sono frutto anche delle enormi potenzialità tecnologiche disponibili».

Nel caso dell’oncologia, Pierotti indica i punti dove la tecnologia ha dato i maggiori supporti: nell’architettura del sistema, decifrando il DNA, e soprattutto nell’acquisire la convinzione che «non è il numero dei geni che conta, quanto come questi geni funzionano, come interagiscono tra loro, come sono regolati. È grazie alla tecnologia che abbiamo una percezione di come anche il cosiddetto DNA spazzatura non sia così inutile: codifica infatti per una nuova classe di RNA, i microRNA, che possono regolare più geni e garantire quel concerto di geni regolati finemente che costituisce il fenotipo di ogni individuo e quindi anche la parte patologica».

E così siamo arrivati al livello micro. Per passare al “nano” bisogna fare un salto di scala dell’ordine del migliaio: si va verso le dimensioni del miliardesimo di metro. Ma prima Pierotti vuol sottolineare come la medicina oggi si muova secondo l’approccio, indicato dal biologo americano Leroy Hood, delle quattro “P”: una medicina che sia preventiva, predittiva, personalizzata e partecipativa. In tutte le prime tre P oggi possono giocare un ruolo fondamentale le nanotecnologie e l’attività di Ferrari negli States ne dà una documentazione impressionante, con un gran numero di progetti avviati, con numerosi brevetti ottenuti e con il lancio di diverse start-up che iniziano ad affacciarsi al mercato.




CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'INTERVISTA A MARCO PIEROTTI


 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >