BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPORT/ Sapete perché i neri corrono più veloci, ma i bianchi nuotano meglio?

Pubblicazione:

Usain Bolt, detentore del record mondiale dei 100 metri (Foto Ansa)  Usain Bolt, detentore del record mondiale dei 100 metri (Foto Ansa)

Carl Lewis, Ben Johnson, Maurice Green, Asafa Powell, Usain Bolt: tutti grandi centometristi. Ma la cosa che hanno in comune non è solo la capacità di vincere medaglie d’oro sui cento metri piani, spesso infrangendo i record dei loro predecessori. La caratteristica che li accomuna è il colore della pelle: sono tutti afroamericani.

 

Come tutti più o meno pensano di sapere, i neri sono i migliori atleti del mondo. Ma è vero sempre? La risposta è no: se ci spostiamo in ben altra specialità, il nuoto, possiamo compulsare elenchi di vincitori e recordmen tutti bianchi caucasici: chi non ha mai sentito parlare infatti di Mark Spitz, Matt Biondi, Alexander Popov, Ian Thorpe? Anche qui, come sopra, tutti atleti della stessa provenienza etnica, potremmo dire.

 

Come spiegare scientificamente questa differenza? Questo, che sembra - e forse lo è - un interrogativo ozioso, ha incontrato l’interesse di alcuni studiosi americani, che da anni hanno sviluppato una teoria per spiegare queste differenze. Gli autori, Adrian Bejan e Edward Jones (rispettivamente un bianco e un nero) della Duke, e Jordan Charles, della Howard Universities, da anni infatti studiano un modello “costruttivista” che dia spiegazione di alcuni fatti rilevabili in natura riguardanti la deambulazione degli animali.

 

Il più eclatante è forse che animali più grossi si muovono generalmente più velocemente: questo risulta vero in un intervallo di massa corporea che va dal milionesimo di chilogrammo alle decine di tonnellate, in diversi ambienti (terra, mare, aria).

 

L’idea-guida di questi studi è che le leggi evolutive che guidano lo scorrere della massa sulla terra sono analoghe al flusso della massa d’acqua in un bacino di un fiume. La trattazione arriva a scoprire che i requisiti in base ai quali si può determinare la velocità di un animale in corsa dipende sostanzialmente dalla massa (M) e dall’altezza (H), ma in un gruppo di atleti con le stesse M e H bisogna considerare un altro dato, e cioè il baricentro (o centro di massa). Maggiore è lo spazio di caduta del baricentro durante il meccanismo della corsa e maggiore sarà la velocità dell’uomo. Analogamente, le equazioni che determinano la velocità di un uomo in acqua ci dicono che l’atleta con lunghezza del tronco maggiore andrà sempre più veloce.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >