BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMBIENTE/ Abbiamo bisogno del tutto per capire il frammento. Anche da scienziati

Pubblicazione:

giornatasalvaguardiacreato_R375.jpg



Questo processo di conoscenza della complessità e della interdipendenza degli elementi costitutivi della crosta terrestre deve poter essere comunicata in modo semplice e chiaro al grande pubblico: operai, impiegati, imprenditori, amministratori locali, insegnanti, studenti, casalinghe, operatori sociali, agricoltori, intellettuali debbono poter comprendere che non è sufficiente conoscere a grandi linee il vocabolario della natura, perché queste informazioni si esauriscono nella terminologia stessa. Occorre, invece, inseguire una “grammatica della natura” come scrive Benedetto XVI nel suo Messaggio per la pace del 31/12/2009, che insegna bellezza e armonia e che conduce all’origine stessa del creato.

È necessario uscire dalla logica “paraocchistica”, che tende a considerare il processo di conoscenza adatto solo per formare una classe colta e provare, invece, a sviluppare corsi serali o domenicali per tutti, dove sia possibile educare in modo corretto al rapporto con la natura, con l’obiettivo di migliorare la qualità della nostra vita e di tutti i viventi.

Se assimilassimo la complessità della Terra ad una teorica sommatoria di sistemi apparentemente caotici, si potrebbe affermare che la sensibilità alle condizioni ambientali, l’imprevedibilità degli eventi e l’evoluzione stessa del sistema Terra, risultando una porzione infinitesimale del sistema della nostra Galassia, per non dire dell’intero Universo, dovrebbero suscitare maggiore attenzione, interesse e curiosità da parte di tutti gli esseri umani, purché, ovviamente, siano bene istruiti a riconoscere le relazioni esistenti nel microsistema cui apparteniamo.



CLICCA SU QUESTO LINK PER LEGGERE IL MESSAGGIO DELLA CEI PER LA GIORNATA PER LA SALVAGUARDIA DEL CREATO
 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.