BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CIELO/ Triangoli, quadrati e stelle cadenti per una settimana che punta in alto

Pubblicazione:

Stelle cadenti fotografate in Spagna (Foto Ansa)  Stelle cadenti fotografate in Spagna (Foto Ansa)

Inizia la settimana delle stelle, quelle vere e quelle cadenti che, come è noto, non sono stelle ma sciami di frammenti di comete. Quest’anno c’è il vantaggio della Luna nuova e quindi, nuvole permettendo, lo spettacolo è assicurato; soprattutto per chi potrà sistemarsi in una zona lontana dalle luci cittadine e mettersi su una comoda sdraio col naso all’insù per qualche ora.

 

Vediamo allora di formulare una piccola guida per un possibile tour celeste, seguendo il metodo utilizzato fin dall’antichità che suggerisce di rintracciare nel cielo punti, linee e figure geometriche facilmente riconoscibili e che possono orientare il nostro sguardo.

 

Iniziamo da un triangolo, quello che apparirà a Occidente subito dopo il tramonto: sono i tre pianeti Venere, Marte e Saturno, che proprio in questi giorni assumono la particolare disposizione trilaterale: Venere molto luminosa, gli altri due meno ma ugualmente riconoscibili, anche se Saturno è un po’ basso sull’orizzonte.

 

Un altro triangolo è il classico triangolo estivo formato, questo sì, da tre stelle di tutto rispetto. Lo si rintraccia guardando esattamente sopra la nostra testa in verticale (cioè puntando allo zenit) dove brilla Vega, nella costellazione della Lira a circa 27 anni luce da noi. Non sarà poi molto difficile connetterla a Deneb, l'astro più luminoso della costellazione del Cigno, uno dei disegni più evidenti della volta celeste per la sua forma a croce. Dalle due stelle così individuate si potranno disegnare i tre lati della figura andando verso Altair, nella costellazione dell’Aquila, meno luminosa di Vega anche se più vicina a noi, a soli 17 anni luce.

 

Se cercate una stella che possa gareggiare in luminosità con Vega dovete spostarvi verso Nord- Ovest prolungando il segmento che unisce le ultime due stelle dell’Orsa Maggiore e vi apparirà Arturo, nella costellazione di Boote.

 

Tornando ai pianeti, non potete perdervi Giove, il gigante del sistema solare che sorge un po’ più tardi, verso le 23, non molto lontano dal visibilissimo quadrato di Pegaso, ma poi domina queste nottiferragostane andando a occupare una zona di cielo piuttosto povera di stelle luminose.

 

PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO CLICCA IL PULSANTE >> QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >