BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCOPERTE/ Energia solare dal Sahara all’Europa: la chiave è nei frattali

Pubblicazione:

frattaliR375.jpg

 
La possibilità di disporre di nuovi metalli sintetici “superconduttori a temperatura ambiente” è il sogno di tutti gli ingegneri che progettano nuovi computer, nuovi treni, nuove reti di distribuzione dell’elettricità, perché la resistenza elettrica è nulla, ovvero non ci sono perdite per riscaldamento dei fili elettrici. La nostra ricerca si è sviluppata verso la definizione dei parametri di progettazione di nuovi materiali “superconduttori a temperatura ambiente” e abbiamo ottenuto diversi brevetti. Come sempre i risultati di interesse tecnologico derivano da scoperte di fisica sperimentale che si pongono problemi fondamentali di cultura scientifica sulla conoscenza del mondo che ci circonda.


Alla base della vostra scoperta c’è un lavoro sperimentale svolto presso l’ESRF. Perché è stato necessario utilizzare la radiazione di sincrotrone?

 

Abbiamo progettato un nuovo esperimento per ottenere un’immagine, ovvero come scattare una foto, che non mostra gli oggetti nello spazio ma come varia nello spazio l’ordine in cui essi sono disposti. Volevamo vedere a livello macroscopico, con la risoluzione tipica dei nostri occhi, un materiale ceramico particolare (un superconduttore ad alta temperatura) sospettato per essere disordinato, ma di cui nessuno sapeva il livello di disordine. Per ottenere queste immagini occorreva un nuovo tipo di microscopio: “un microscopio a diffrazione di raggi X”. Questo strumento richiede un fascio di raggi X focalizzato in uno spot di un micron (un milionesimo di metro) che solo la radiazione di sincrotrone emessa dall’anello dell’ESRF può produrre.


Come si è sviluppata la ricerca? Cosa avete esaminato in particolare?


PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA >> QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >