BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Scienze

TRENTO/ Ritrovate tre orme di dinosauro. Il Nordest non era ricoperto dalle acque

 Il ritrovamento di 3 impronte di dinosauro in Trentino smonta l’ipotesi secondo la quale 200 milioni di anni fa quel territorio era sommerso dalle acque.

teschiodinoR375_19mag09.jpg(Foto)

Il ritrovamento di 3 impronte di dinosauro in Trentino smonta l’ipotesi secondo la quale 200 milioni di anni fa quel territorio era sommerso dalle acque.

I dinosauri cambiano la geografia italiana. Grazie al ritrovamento di tre impronte di dinosauro nella galleria del Monte Buso, nel massiccio del Pasubio, cambia completamente la geografia preistorica. Fino a poco tempo fa si pensava, infatti, che quei luoghi, circa 200 milioni di anni fa, fossero sommersi. Va a Marco Avanzini, responsabile della sezione di geologia del Museo di scienze naturali di Trento, il merito della scoperta. E’ stato lui, infatti, a individuare e a identificare le tre orme di due Dilofosauro, un rettile di sette metri. «Seguendo le ricostruzioni paleogeografiche, basate su dati geologici e stratigrafici, l’Italia del Giurassico era considerata perlopiù un territorio sommerso, con al limite basse distese fangose a pelo d’acqua», ha spiegato il ricercatore.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO