BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AMBIENTE/ Vuoi comprendere il riscaldamento globale? Studia i coralli

Pubblicazione:

coralloR400.jpg

 
Tra gli ideatori del progetto troviamo il Dott. Stefano Goffredo (www.marinesciencegroup.org) del Dipartimento di Biologia Evoluzionistica Sperimentale dell’Università di Bologna, il Prof. Giuseppe Falini del Dipartimento di Chimica sempre all’Università di Bologna e il Prof. Zvy Dubinsky della Bar-Ilan University di Tel Aviv, che si avvarranno della collaborazione di giovani studenti e ricercatori.

 

I ricercatori si immergeranno in aree “strategiche” del mar Mediterraneo caratterizzate da differenti condizioni chimico-fisiche (temperatura, pH, salinità, ecc…) da Genova a Palinuro a Pantelleria, campionando diverse specie di coralli come Leptopsammia pruvoti, Balanophyllia europaea e Caryophyllia inornata. In particolare, gli studi sugli effetti dell’acidificazione oceanica si svolgeranno in prossimità di vulcani sottomarini (Panarea), dove le emissioni di CO2 abbassano il pH delle acque. I biologi si focalizzeranno sull’accrescimento, la riproduzione e la fisiologia dei coralli, i fisici valuteranno le proprietà meccaniche dello scheletro e i chimici studieranno il processo di deposizione del carbonato di calcio che lo compone.

  

Al termine del progetto sarà possibile avere informazioni su come i coralli reagiscono ai principali fattori di rischio, evidenziare i loro eventuali adattamenti e individuare le specie più resistenti. I dati ottenuti permetteranno di mettere in atto delle strategie volte alla loro prevenzione e conservazione.


L’attento monitoraggio nel tempo e nello spazio permette agli scienziati di avere un vasto database, punto di partenza per ipotizzare i futuri scenari climatici e ambientali del nostro Pianeta e per elaborare corrette strategie di gestione sostenibile degli ecosistemi.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.