BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCOPERTA ITALIANA/ Spiegato il rapporto tra Sla e sport: i traumi sono un fattore di rischio

Pubblicazione:

(foto Imagoeconomica)  (foto Imagoeconomica)
<< Prima pagina

L'intuizione è stata sottoposta a numerose verifiche: «I risultati ottenuti - spiegano dal Mario Negri - mostrano un andamento lineare: all'aumentare del numero di traumi aumenta anche il rischio di malattia. Lo stesso risultato è stato ottenuto limitando l'analisi ai traumi avvenuti 5 anni prima l'esordio della patologia escludendo così eventi forse occorsi in epoche successive all'inizio dei sintomi. Non sembra invece esserci alcuna correlazione tra il sito di insorgenza della malattia e la sede dei traumi».

 

Altra scoperta di rilievo è il ruolo della caffeina nel ridurre il rischio di insorgenza della malattia: «Alcune variabili da noi considerate solo come confonditori – ha spiegato ancora Bechi all'agenzia di stampa – hanno assunto un ruolo interessante. Il caffè, ad esempio, è risultato quale fattore protettivo in tutte le analisi. Abbiamo infatti scoperto un consumo minore di caffè tra i malati. D'altronde recenti studi sul Parkinson, malattia neurodegenerativa come la Sla, ha confermato l'azione benefica della caffeina in questo tipo di patologie».

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.