BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RICERCA USA/ Una sola sigaretta provoca mutazioni genetica nell’arco di 15 minuti

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

Il fumo provoca danni alla salute nell’arco non di anni ma di pochi minuti. A sostenerlo è una ricerca Usa, pubblicata sulla rivista Chemical Research in Toxicology, che ha dimostrato che gli agenti chimici che causano il cancro si formano subito dopo avere fumato una sigaretta. Gli scienziati coinvolti nello studio hanno definito i risultati come un duro avvertimento alle persone che pensano di iniziare a fumare. L’associazione non profit Ash, impegnata nella lotta contro il fumo, ha descritto la ricerca come «agghiacciante» e come il segnale del fatto che non è mai troppo presto per smettere.

 

Le conseguenze a lungo termine del fumo, dalle disfunzioni cardiache a diverse forme di tumore, sono ben note a tutti. Ma il nuovo studio indica il fatto che i danni iniziano pochi istanti dopo avere fumato la prima sigaretta. I ricercatori hanno osservato i livelli di sostanze chimiche correlate al cancro, cioè gli Idrocarburi policiclici aromatici (Ipa) in 12 pazienti dopo avere fumato. Gli Ipa sono una delle sostanze in assoluto più cancerogene, e oltre al fumo da sigaretta sono associati alle emissioni inquinanti dei tubi di scarico delle auto a gasolio, delle ciminiere delle fabbriche e della combustione della legna. Gli Ipa sono inoltre utilizzati per la sintesi di coloranti, plastiche e pesticidi. Su ogni pacchetto di sigarette è indicata la quantità di Ipa presenti. Secondo uno studio di Emilia Marchei dell’Istituto superiore di sanità, variano dai 1272 delle MS, ai 943 delle Malboro Rosse, 1102 delle Diana Rosse, 638 per le Malboro Argento, 645 delle Camel, 840 delle Diana Blu, 498 delle Merit e 179 delle Philip Morris One.



  PAG. SUCC. >