BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPAZIO/ L’occhio infrarosso di Planck illumina i "bozzoli" delle stelle

Pubblicazione:

Undici di questi nuovi ammassi sono già stati osservati da XMM-Newton, un satellite ESA per astronomia X, e si sono dimostrati tra gli ammassi più massivi. In particolare i nuovi ammassi di Planck mostrano una bassa luminosità ed una morfologia “distribuita” chiaro indice che il loro stato dinamico è estremamente complesso e ben diverso da quello degli ammassi solitamente osservati in X.




Immagini di Planck e XMM-Newton del nuovo super-ammasso PLCK G214.6-37.0 scoperto da Planck. Sono evidenti tre sotto-strutture.


Ma queste sono solo alcune delle scoperte che il team di Planck è riuscito ad ottenere con i dati relativi alla prima survey completa del cielo. Planck ha già completato altre due survey permettendo quindi di ri-osservare le stesse porzioni di cielo e aumentando corrispondentemente l'accuratezza nelle misure. Ci si aspetta ancora molto da questo gioiello: e gennaio dell'anno prossimo avremo i primi risultati cosmologici di Planck relativi alle osservazioni della CMB e non mancheranno di certo lo sorprese.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.