BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CLIMA/ Che ci fa l’inverno più freddo da 160 anni nell’era del riscaldamento globale?

Pubblicazione:

Le correnti  Le correnti

Thornalley, spiega come si sono potuti studiare i cambiamenti nelle correnti oceaniche: “abbiamo estratto nuclei di sedimenti oceanici dal fondo dell’Atlantico del Nordest che contenevano gusci di piccoli organismi. Li abbiamo usati per studiare la distribuzione dei radiocarbonio nell’oceano, misurando quanto tempo fosse passato prima che l’acqua fosse per l’ultima volta sulla superficie del mare. Questo ci ha permesso di capire la velocità di formazione delle le acque profonde nel Nord Est Atlantico nel passato.

 

I risultati ottenuti mettono in evidenza quanto sia dinamica e sensibile la circolazione oceanica.” Per il futuro allora dobbiamo aspettarci cambiamenti radicali? Magari una piccola glaciazione? Le cose sembrano essere meno drammatiche di quello che potremmo pensare. Spiega infatti Thornalley che “la circolazione in era moderna è più stabile che nell’ultima Era Glaciale, ed è quindi soggetta a cambiamenti meno drammatici.” E’ importante perciò “continuare a sviluppare la nostra comprensione del sistema climatico e di come esso risponda una volta che accade qualche tipo di modifica.”

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.