BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANNIVERSARI/ Il secondo secolo dei superconduttori parte dal CNR

Pubblicazione:

Un treno a lievitazione magnetica  Un treno a lievitazione magnetica

 

Una delle “promesse” era quella del grande risparmio energetico ottenibile utilizzando cavi superconduttori per il trasporto dell’energia elettrica. Ma questo, a parte specifiche applicazioni, nella pratica diventerà solo possibile disponendo di superconduttori che funzionino senza raffreddamento (ricordo che ad oggi i superconduttori vanno raffreddati a temperature inferiori a -100 °C). Personalmente ritengo quello dello studio dei materiali a sempre più alta temperature critica e dei meccanismi fisici che determinano il fenomeno, come il principale obiettivo da perseguire in questa fase.


Quanto è vicino il traguardo della superconduttività a temperatura ambiente?


Fino a pochi anni fa si riteneva impossibile il sogno della superconduttività a temperatura ambiente, ma gli studi attuali ci fanno essere molto più ottimisti. È difficile ipotizzare se e quando sarà possibile ottenere questo risultato, ma certamente a livello internazionale c’è un grande sforzo di ricerca in questo senso e l’Italia ha un buon posizionamento internazionale in questo settore di ricerca, grazie anche, penso, alla costituzione del nuovo Istituto CNR SPIN.

 

Perché è stato costituito il centro SPIN e quali sono le principali attività di ricerca

 

L’Istituto SPIN del CNR è stato costituito a partire dall’esperienza dell’INFM (Istituto Nazionale per la Fisica della Materia) nel campo dei superconduttori, appunto per mettere insieme molte delle potenzialità di ricerca del nostro paese in questo settore, che erano maturate sia a Genova, dove è la sede dell’Istituto, sia nell’area di Napoli-Salerno, dove sono situate altre due importanti sedi.
SPIN svolge sia ricerca fondamentale sullo sviluppo di nuovi superconduttori, verso la superconduttività a temperatura ambiente, sia applicative per lo sviluppo di materiali che possano migliorare le performance di quelli già sul mercato, sia ricerche su applicazioni in elettronica e sensoristica della superconduttività, che presentano potenzialità ancora parzialmente inespresse. Tra queste voglio ricordare gli studi sui dispositivi per la computazione quantistica per i computer del futuro, su cui stiamo ottenendo risultati di prestigio.

 

Ma non ci sono solo i superconduttori …

 

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >