BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANNO DELLA CHIMICA/ Così la "scienza centrale" consente all'uomo di superare la natura

Pubblicazione:

chimicanaturaR400.jpg

L’Anno appena iniziato sarà l'Anno Internazionale della Chimica. Lo ha proclamato l'ONU affidando la responsabilità dell’evento all’UNESCO e a IUPAC, l'Unione Internazionale di Chimica Pura ed Applicata, che nel 2006 aveva lanciato l’idea.

 

La proposta di risoluzione ONU per un Anno celebrativo delle conquiste della Chimica e del suo contributo al benessere dell’umanità è stata formulata dall’Etiopia, un Paese non industrializzato. Si è voluto così evidenziare l’importanza di questa scienza nel preservare le risorse naturali (l’attenzione allo sviluppo sostenibile è l’obiettivo dell’ONU per il decennio 2005-2014).

  

Ma cos’è la Chimica? Un qualunque dizionario della lingua italiana presenta la seguente definizione: la Chimica (dall’arabo "al kimiaa") è la scienza naturale che interpreta e razionalizza la struttura, le proprietà e le trasformazioni della materia, cioè delle sostanze naturali e artificiali del regno organico (i composti del carbonio) e di quello inorganico. La chimica è anche definita "scienza centrale" (central science) perché è strettamente connessa con tutte le altre scienza naturali, dalla fisica della materia alla biologia, dalla geologia all'astronomia.

  

Suo oggetto di studio sono quindi le proprietà dei costituenti della materia (atomi, molecole, altri loro aggregati) e le trasformazioni della materia stessa per effetto della rottura e della formazione di legami tra atomi e molecole, spiegabili attraverso la conoscenza della struttura elettronica degli atomi stessi.

 

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L'ARTICOLO



  PAG. SUCC. >