BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EUTANASIA/ Belgio: i casi di eutanasia senza il consenso del paziente sono di più nell'area metropolitana

Pubblicazione:

Una immagine dallo spot pro eutanasia distribuito in Italia dal Partito radicale  Una immagine dallo spot pro eutanasia distribuito in Italia dal Partito radicale

EUTANASIA BELGIO - La Vrije Universiteit di Bruxelles ha pubblicato sulla rivista scientifica Health and Place uno studio sull'eutanasia. Lo studio è incentrato per la prima volta sulle " differenze in termini di decisioni di fine vita, ovvero le decisioni dei medici circa i trattamenti di fine vita che possono potenzialmente influire sul tempo che rimane al paziente di vivere".

Lo studio dimostra come l'eutanasia in Belgio, quella involontaria effettuata cioè senza il consenso del paziente, sia più diffuso in città come la capitale Bruxelles che nelle aree di campagna. Fuori dalla città di Bruxelles i casi di eutanasia volontaria costituiscono il 3,2% di tutti i decessi, questa percentuale sale al 5,4% nell'area metropolitana. Quasi tripla la percentuale dei casi di eutanasia attiva senza l'esplicito consenso del paziente nella città di Bruxelles rispetto alle aree non metropolitane (rispettivamente 4,3% e 1,5%).

Maggiore è la percentuale di ultraottantenni che ricorrono all'eutanasia attiva nell'area metropolitana, mentre nelle aree non metropolitane si chiede molto di più di morire nella propria casa. Per i ricercatori, il motivo di queste differenze va ricercato nella differenza sociale e culturale fra chi vive in città e chi risiede in campagna.


CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER LEGGERE DELLO STUDIO BELGA SULL'EUTANASIA



  PAG. SUCC. >