BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIVERSO/ IceCube: il più grande osservatore di neutrini, misteriosi abitanti del cosmo

Pubblicazione:

L’effetto Cherenkov consiste nell’emissione di fotoni da parte delle molecole attratte dal passaggio di particelle cariche che hanno velocità nel mezzo maggiore di quella della luce.   La luce emessa nell’effetto Cherenkov è blu: le particelle superveloci nei reattori nucleari generano la carattersticha luce blu al loro interno.
Come possono esistere particelle che vanno più veloce della luce? Einstein non aveva forse “imposto” che nulla andasse più veloce della luce? In realtà la relatività dice che nulla può andare più veloce della luce nel vuoto, ma la luce va meno veloce nei mezzi di quanto non faccia nel vuoto: questo significa che in qualsiasi mezzo che non sia il vuoto possono esistere particelle che vanno più veloci della luce nello stesso mezzo, senza superare la velocità della luce nel vuoto. E’ proprio il caso dei neutrini energetici, quelli emessi dalle reazioni violente in corpi celesti come le supernovae o le gamma-ray burst, o nei pressi dei buchi neri. L’effetto Cherenkov è l’analogo elettromagnetico di quanto avviene in un gas quando un corpo viaggia a velocità maggiore di quella del suono in quel corpo, come il “bang” dell’effetto Mach provocato dagli aerei ultrasonici.




< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >