BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PREMIO NOBEL/ Medicina: vincono Beutler, Hoffmann e Steinman. La Scheda

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Sono l’americano Bruce Beutler, il lussemburghese Jules Hoffmann e il canadese Ralph Steinman i vincitori di quest’anno del premio Nobel per la medicina. Le loro ricerche, come afferma una nota della giuria, hanno consentito di rivoluzionare la nostra comprensione del sistema immunitario «scoprendo i principi chiave per la sua attivazione». Hanno, in particolare, svolto importanti ricerche relativamente ad alcune malattie autoimmuni e ai tumori. Il premio, che consiste in dieci milioni di corone svedesi, pari a circa 1 milione e 400 mila euro, è stato così suddiviso: metà a Beutler e Hoffmann, l'altra metà a Steinman. Il primo, nato a Chicago nel 1957, è direttore dello Scripps Research Institute di La Jolla. E’ noto, in seno al mondo accademico, per aver isolato nelle cavie il Tnf, il cosiddetto fattore di necrosi tumorale alfa. A lui si deve la progettazione di molecole costituite allo scopo di distruggere tale fattore.

Queste molecole sono state utilizzate in farmaci contro il morbo di Crohn, la psoriasi, l’artrite reumatoide e altre patologie infiammatorie. Insieme a Hoffman ha vinto, in California, nel 2007, il premio Balzan per i suoi studi sull'immunità innata mentre con Steinman nel 2009 il prestigioso Albany Medical Center Prize. Hoffmann, nato in Lussemburgo nel 1941, direttore del centro ricerche del Centro nazionale della ricerca scientifica, ha anch’egli svolto importanti ricerche sui sistemi autoimmuni compiendo sperimentazioni sugli insetti. Cittadino francese, è direttore di ricerca e membro del consiglio di amministrazione del CNRS, il più grande centro di ricerca francese e Presidente dell'Académie des sciences de l'Institut de France. E’, inoltre, membro di numerose accademie, tra cui l' Accademia Tedesca di Scienze, l’Accademia Europea, l’Accademia American delle Arti e delle Scienze e l’Accademia delle Scienza Russa. Steinman, invece, è nato nel 1943 in Canada. Immunologo e biologo cellulare, nel 1973 ha coniato il termine cellule dendritiche, cellule specializzate nella cattura di antigeni, sostanze in grado di stimolare, una volta introdotti in un organismo, la stimolazione di anticorpi.

 


 

 

 

 



  PAG. SUCC. >