BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEDICINA/ Per curare le malattie della pelle, meglio andare a “scuola” (dell’Atopia)

Pubblicazione:

Fonte: Fotolia  Fonte: Fotolia
<< Prima pagina

La dermatite atopica presenta un andamento cronico-recidivante: si tratta cioè di un continuo alternarsi di periodi di acutizzazione e di periodi di remissione (durante i quali spesso la cute sembra del tutto guarita). Si può manifestare fin dai primi mesi di vita (anche se talvolta regredisce progressivamente durante la crescita fino a scomparire) e solo in Italia colpisce oltre un milione tra bambini e ragazzi da 1 a 18 anni e quasi il 2% degli adulti.

A complicare ulteriormente il quadro concorrono anche diversi sintomi che accomunano la dermatite atopica alle più note allergie. Nel secondo caso però la causa scatenante é semplicemente un’errata risposta degli anticorpi nei confronti di una singola precisa sostanza introdotta all’interno dell’organismo. La risposta allergica ad esempio può essere dovuta all’ingestione di un particolare alimento da parte di un soggetto sensibile ad esso. Nell’atopia invece il soggetto malato ha una cute iperreattiva nei confronti di moltissimi stimoli e la reazione che ne consegue varia molto da soggetto a soggetto sia per intensità, sia per le modalità con cui si manifesta.

Poiché non esiste ancora un test di laboratorio completamente attendibile, attualmente la diagnosi della dermatite atopica viene formulata mediante un semplice ma accurato esame clinico sulla base dei segni e dei sintomi più significativi, in modo da escludere altre patologie quali la scabbia, le micosi e le semplici allergie.

Nonostante alcuni aspetti dell’atopia siano tutt’ora poco chiari, negli ultimi anni sono stati fatti molti passi in avanti. Grazie a questo, in molti Paesi sia europei che extraeuropei sono sorte molte “Scuole dell’Atopia” che hanno rapidamente portato a un netto miglioramento nella qualità della vita dei loro pazienti. Anche in Italia, benché non esista ancora una rete di équipe ben organizzata e diffusa su tutto il territorio, sono già nate numerose iniziative meritorie.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.