BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANTARTIDE/ Il fascino di cercare gli aerosol nei cristalli di ghiaccio a Baia Terranova

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

L’esperienza più bella che provo, nel corso della mia attività scientifica, è quando accade che con i nostri apparati sperimentali si riescono a cogliere alcuni aspetti della natura: è come se la realtà rispondesse ai nostri interrogativi. Ciò non è scontato e quando succede, anche se questo riscontro è atteso e desiderato, si prova una sensazione di stupore come se “la nostra nave” si fosse incagliata in qualcosa di misterioso ma reale. E questo fa parte della natura della scoperta piccola o grande che sia.

Quell’istante di stupore è reale ed è l’aspetto più bello della ricerca, come ricordava anche il grande Albert Einstein: “La più bella sensazione è il lato misterioso della vita. È il sentimento profondo che si trova sempre nella culla dell’arte e della scienza pura. Chi non è in grado di provare né stupore, né sorpresa è per così dire morto”. Più la sensibilità umana è educata e coltivata, più tale sensazione di mistero permane e viene valorizzata e riempie di significato il lavoro di ogni giorno, facendo entrare  nel mondo della scienza il gusto del bello e del vero. Questo è ciò che mi appassiona ogni giorno al mio lavoro e mi dà il coraggio e la libertà di rischiare nuovi passi, come la recente missione in Antartide.

Ho partecipato così alla XXVII Spedizione Scientifica Italiana in Antartide fermandomi per un turno di circa un mese  presso la base scientifica italiana Mario Zucchelli (MZS) a Baia Terranova (nel Mare di Ross). È un base aperta nel periodo estivo australe (Novembre-Febbraio) e ha rappresentato il fulcro delle attività sperimentali svolte in Antartide dal nostro Paese fino a quando, circa 5-6 anni fa, insieme con la Francia è stata realizzata la base  Concordia (o Dome C), circa 1200 Km dalla costa. Presso la stazione Concordia è stata ottenuta, nell’ ambito del progetto EPICA, una carota di ghiaccio alla profondità di circa 3190 metri che ha permesso di ottenere dei dati sulla composizione dell’atmosfera terrestre fino a circa 800.000 anni fa. Attualmente diverse attività scientifiche sono state trasferite dalla base Mario Zucchelli a Concordia dove è possibile operare in un ambiente ancora più incontaminato, rispetto a quello costiero,  per tutto l’anno essendo una base anche invernale.

La stazione Mario Zucchelli, operativa da oltre 25 anni e in grado di ospitare circa un centinaio di persone fra ricercatori e personale di supporto logistico, prende il nome dall’ing. Mario Zucchelli dipendente dell’Enea che è stato l’artefice principale della realizzazione e sviluppo della base fino alla sua scomparsa avvenuta nel 2003. Le attività che vengono svolte riguardano principalmente la biologia, e più in generale lo studio degli ecosistemi, la geologia (ad esempio con la raccolta di campioni provenienti dal mantello terrestre o rocce vulcaniche), attività osservative (osservatorio meteorologico, geomagnetico e della ionosfera) e la fisica dell’atmosfera (misure di ozono e gas minori).

 



  PAG. SUCC. >