BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PREISTORIA/ Ricostruito lo sguardo dell’uomo venuto dal ghiaccio

Pubblicazione:

Credit: Heike Engel–21Lux/Museo Archeologico dell’Alto Adige/National Geographic Deutschland.  Credit: Heike Engel–21Lux/Museo Archeologico dell’Alto Adige/National Geographic Deutschland.
<< Prima pagina

Una volta approntato il modello stereolitografico, i due Kennis hanno realizzato una paziente ricostruzione che ci ha restituito in modo più preciso e realistico i tratti fondamentali della fisionomia dell’Iceman, dandogli maggiore “personalità” anche attraverso la postura e la mimica.

Il recente lavoro dei due artisti, noti proprio in virtù delle loro ricostruzioni paleontologiche, mostra un uomo dell’età della pietra proveniente dall’area alpina e sorprendentemente reale, dal colore della pelle ai più piccoli corrugamenti della fronte: media statura, esile ma nerboruto, con un viso scarno e spigoloso, barba lunga e pelle bruciata dal sole. Ötzi quindi sembra molto più vecchio rispetto a un quarantenne attuale e il suo fisico era sicuramente segnato dalla difficile vita all’aperto e dal clima ostile.

 

Su questo nostro antenato restano ancora molte cose da scoprire e molto ci si aspetta dagli studi di bioinformatica, a partire dall’identificazione del suo patrimonio genetico completo realizzata  grazie all’apporto di competenze multidisciplinari e al lavoro di tre esperti come Albert Zink, direttore dell’Istituto per le Mummie e l’Iceman dell’EURAC, Carsten Pusch dell’Istituto di genetica umana dell’Università di Tubinga e Andreas Keller, bioinformatico dell’azienda specializzata in biotecnologia “febit” di Heidelberg.

D’ora in poi però, tutti coloro che condurranno queste ricerche, non avranno davanti solo dei dati ma potranno riferirsi a un volto e saranno facilitati nel vedere, dietro a quei dati, una persona.

 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
01/03/2011 - Uomo fatto di carne, ossa e Spirito! (Silvano Rucci)

“D’ora in poi però, tutti coloro che condurranno queste ricerche, non avranno davanti solo dei dati ma potranno riferirsi a un volto e saranno facilitati nel vedere, dietro a quei dati, una persona.” Commento: Inoltre tutti coloro che credono nella derivazione dell’uomo dalla scimmia, osservando gli occhi che sono lo specchio dell’anima, forse cambieranno idea ed affermeranno che l’uomo deriva da un altro uomo, venuto al mondo come tutti gli altri esseri viventi, che hanno avuto come madre la Natura ed evolvendosi nella sua specie originale, la razza dell’uomo fatto di carne, ossa e Spirito sopra naturale!