BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEDICINA/ La plastica senza bisturi che migliora la pelle

Pubblicazione:

Foto Fotolia  Foto Fotolia
<< Prima pagina

Anzitutto quelle nutrizionali. Riteniamo importante l’alimentazione e anche gli integratori, che vanno molto rivalutati. Dare all’organismo vitamine, aminoacidi, enzimi, sali minerali contribuisce a mantenere vitali le cellule, a migliorarne il metabolismo e quindi a produrre più collagene, più elastina e di conseguenza ad avere una pelle più giovane. Tra le sostanze su cui puntiamo c’è il licopene, un derivato dai semi di pomodoro che appartiene al gruppo della vitamina A e migliora il ricambio cellulare. Ci sono i flavonoidi, derivati dai frutti di bosco, che migliorano la microcircolazione e quindi fanno arrivare più ossigeno alle cellule e frenano l’avanzata dei capillari. Ci sono poi tutte le altre vitamine: E, F, C.

 

Qual è allora il compito del dermatologo plastico?

 

È quello di capire quali sono i bisogni specifici della pelle e indicare al paziente la corretta alimentazione per frenare l’invecchiamento, consigliando gli integratori più adatti. C’è poi anche il supporto della dermocosmesi, che non è più solo uno strumento di bellezza, ma offre delle vere e proprie cure della pelle. Tra le più recenti applicazioni posso citare quelle che sfruttano i fosfolipidi, che ristrutturano le membrane cellulari riparandone i danni causati da vari agenti esterni (Sole, ultravioletti, ecc.). Importante è anche la glocosamina, precursore dell’acido ialuronico e del collagene: farla arrivare in profondità significa poter produrre nuovo acido ialuronico e nuovo collagene proprio, endogeno, senza apporti esterni. Si parla anche del delta-lattone: i lattoni sono sostanze vegetali (quelle tra l’altro che danno lo specifico odore a molti vegetali) importanti nel ricompattare le cellule superficiali, migliorando lo strato corneo superficiale della cute e quindi prevenendo la disidratazione.

 

Anche in dermatologia si può quindi parlare di “medicina personalizzata”?

 

È proprio uno dei temi che affronteremo nel congresso che inizia oggi. C’è ormai la possibilità di fare una diagnosi più precisa circa i fabbisogni della pelle. Ciò si ottiene sia sfruttando la genomica, cioè lo studio dei nostri geni che adesso si può eseguire semplicemente prelevando un po’ di mucosa orale con un batuffolo di cotone e cercando, con adeguata strumentazione, le predisposizioni della pelle a invecchiare precocemente. Una seconda promettente metodologia è la lipidomica, che parte dal prelievo di una goccia di sangue per studiare le parete dei globuli rossi e valutare eventuali alterazioni delle membrane cellulari; si può così capire se c’è una carenza di determinate sostanze, come ad esempio gli omega 3 o gli omega 6. Quindi il dermatologo plastico può abbinare alla sua esperienza tutta una serie di indagini diagnostiche molto accurate.

 

Sembra di capire che il vostro è un approccio più medico e meno estetico…



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >