BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EVENTI/ Studenti a Firenze per leggere insieme il libro della natura

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

Centinaia di studenti di una quarantina di scuole di tutta Italia confluiranno domani a Firenze per partecipare a due giornate di convegno, per presentare i loro studi e progetti e per confrontarsi sulle esperienze di un anno di lavoro scientifico. Parteciperanno all’ottava edizione di ScienzAfirenze, una originale iniziativa promossa dall’Associazione Diesse in collaborazione con il MIUR, l’Ufficio Scolastico Regionale della Toscana, l’Associazione Euresis e la rivista Emmeciquadro e con il patrocinio di I.N.D.I.R.E., Regione Toscana, Provincia e Comune di Firenze.

Il tema di questa edizione è “Il linguaggio del libro della natura. La dimensione matematica dei fenomeni naturali” e verrà sviluppato col contributo di Paolo Tortora, biochimico dell’Università di Milano Bicocca, Marco Claudio Traini, fisico dell’Università di Trento e Claudio Giorgi, matematico dell’Università di Brescia.

Notevole anche il numero delle attività svolte nelle scuole e la loro qualità, come hanno confermato i direttori di ScienzAfirenze Patrizia Iotti e Giuseppe Tassinari: 53 lavori di ricerca dei “giovani scienziati” saranno presentati pubblicamente in sede di convegno e verranno premiati alla fine della seconda giornata; dalle bolle di sapone agli specchi di Archimede, dalla struttura atomica ai movimenti delle stelle, dalla simulazione delle onde ai percorsi delle formiche: tutti fenomeni sorprendentemente comprensibile grazie alla matematica.

Ilsussidiario.net ha incontrato Giuseppe Tassinari.


Da dove nasce ScienzaFirenze?

Il convegno nasce non da un’analisi della situazione della scuola o delle esigenze didattiche, ma da un rapporto umano tra docenti accomunati dal desiderio di non dover tralasciare nulla della propria umanità nell’insegnamento delle discipline scientifiche. Quando dieci anni fa, con alcuni amici insegnanti abbiamo cominciato a chiederci cosa significasse per ognuno di noi insegnare scienze nella scuola secondaria, qualsiasi opinione ci è sembrata incompleta o preconcetta: ci siamo detti che l’unico modo per soddisfare una domanda così basilare per il nostro lavoro poteva nascere solo provando a fare esperienza diretta della risposta.
Da questa intuizione si è sviluppato il nostro convegno, realizzato come un momento di scuola in cui confrontarsi e approfondire le tematiche proprie delle discipline scientifiche mettendosi direttamente in gioco con i nostri studenti in un percorso di conoscenza.

Cosa è quindi ScienzaFirenze?



  PAG. SUCC. >